Home Attualità Studio, formazione e internazionalizzazione: i candidati europei e statunitensi più predisposti a...

Studio, formazione e internazionalizzazione: i candidati europei e statunitensi più predisposti a studiare lontano da casa

CONDIVIDI

Uno studio condotto da GMAC, istituzione esterna che valuta con strumenti propri il livello di condivisione e scambio durante la formazione scolastica ed universitaria, ha risollevato saggiamente il tema dello studio all’estero, dello scambio, dell’internazionalizzazione della carriera scolastica ed universitaria attraverso il contatto con lingue straniere e programmi differenti. Successivamente all’emergenza sanitaria, con aggiunta di quella bellica attualmente in corso che vede il ridimensionamento delle risorse e delle possibilità di studio all’estero, è fondamentale riprendere a formare globalmente gli studenti ed i giovani, abituandoli ad un contesto disomogeneo e globale. Il Graduate Management Admission Council (GMAC), un’associazione globale di importanti scuole di specializzazione, ha pubblicato il suo GMAC Prospective Students Survey – 2022 Summary Report, che esplora come sono cambiate le preferenze dei candidati durante la pandemia di Covid-19. Il rapporto si basava sulle risposte al sondaggio condotto su oltre 6.500 studenti in tutto il mondo che hanno espresso interesse per la formazione aziendale laureata nel 2021. Sebbene i costi rimangano una preoccupazione primaria nell’economia dinamica – o pseudocircolare – odierna con un mercato del lavoro vivace e un’inflazione in aumento, i candidati di tutto il mondo continuano a percepire formazione manageriale come percorso collaudato per avanzare professionalmente e posizionarsi per raggiungere i propri obiettivi, coerentemente con i livelli pre-pandemici.

I candidati da UE e Stati Uniti sono più “internazionali”: il dossier  GMAC

Un numero maggiore di candidati preferisce studiare nelle vicinanze del proprio paese di origine, mentre gli Stati Uniti e l’Europa intensificano la loro competizione per i candidati internazionali. Un numero maggiore di candidati provenienti dai sistemi formativi tradizionalmente mobili sta optando per studiare più vicino a casa rispetto al periodo prepandemico. Ad esempio, tra i candidati dell’Asia centrale e meridionale, la percentuale che preferisce studiare a livello internazionale è scesa dall’89% al 73% tra il 2019 e il 2021. Tra i candidati dell’Asia orientale e sudorientale, anche la preferenza per studiare a livello internazionale è diminuita dal 92% all’87% tra il 2020 e il 2021, una possibile indicazione che studiare all’estero fosse limitato a causa delle restrizioni di viaggio direttamente causate dallo sviluppo della pandemia da COVID-19. Tra i candidati internazionali, candidati la cui destinazione di studio preferita è diversa dal paese di cittadinanza, praticamente la stessa proporzione ha affermato nel 2021 che gli Stati Uniti e l’Europa occidentale sono la loro destinazione preferita (rispettivamente per il 39%). Tra i candidati MBA internazionali in particolare, gli Stati Uniti sono la destinazione preferita della metà (50%), espandendo il proprio vantaggio sul secondo posto dell’Europa occidentale (28%) tra il 2019 e il 2021. Nel frattempo, l’Europa occidentale rimane la destinazione preferita di oltre la metà dei candidati afferenti ai percorsi di master.

Icotea

L’eterna combutta tra DAD e lezioni in presenza inquina il desiderio di mobilità per studio. Il successo della didattica ibrida 

La fiducia nel valore dell’istruzione completamente online rimane bassa mentre aumenta il gradimento complessivo dei formati ibridi. Gli studenti percepiscono un valore aggiunto nell’esperienza universitaria o scolastica di persona rispetto a quella online poiché i programmi erogati a distanza assumono un assetto sterile e poco stimolante. Tra i potenziali studenti a livello globale intervistati nel 2021, la maggior parte non è d’accordo sul fatto che i corsi di laurea online offrano lo stesso valore dei programmi nell’ipotetico campus universitario (valore pari al 73%). Quasi 4 su 5 non sono d’accordo sul fatto che le opportunità di lesson networking siano  equivalenti e 2 su 3 non sono d’accordo sul fatto che le opportunità di carriera siano le medesime. Tuttavia, queste opinioni negative si sono leggermente attenuate tra il 2020 e il 2021. Allo stesso tempo, la preferenza per i sistemi didattici ibridi è aumentata in modo significativo. A livello globale, il 20% degli studenti intervistati nel 2021 preferisce l’erogazione di programmi ibridi, rispetto al 14% pre-pandemia. Anche i candidati di minoranza sottorappresentati negli Stati Uniti (28%) esprimono interesse per i programmi ibridi, in significativo aumento rispetto al livello prepandemico.