Home Personale Supplenza part time, la docente viene pagata a cottimo

Supplenza part time, la docente viene pagata a cottimo

CONDIVIDI

Una docente supplente di una scuola primaria della provincia di Treviso, con un contratto a tempo determinato fino al 30 giugno 2019 in regime di part time al 50%, è stata pagata a cottimo, fuori da ogni norma contrattuale. La docente difesa dalla Gilda Insegnati di Treviso si è trovata costretta a rivolgersi al giudice del lavoro per avere tutelati i suoi diritti.

Il caso della docente pagata a cottimo

Uno strano caso di una docente supplente retribuita a cottimo ci viene puntualmente riferito dalla Dott.ssa Michela Gallina della Federazione Gilda Umans di Treviso. La docente viene individuata dalla graduatoria di Istituto di una scuola della provincia di Treviso per un contratto a tempo determinato con decorrenza il 21 settembre 2019 e termine al 30 giugno 2019 con part time per 12 ore settimanali su 24 che costituirebbero l’orario normale di cattedra.

La docente in part time verticale  ha un orario di servizio concentrato in due giorni: lunedì e martedì. L’anomalia inizia quasi subito perché, dopo il primo contratto, gliene vengono fatti firmare settimanalmente altri, ogni volta per due giorni di servizio: assunta il lunedì e licenziata il martedì, senza quindi scorrimento di graduatoria. Presta servizio ogni settimana nelle stesse classi e con lo stesso orario, in perfetta continuità per tutto l’anno scolastico. Le vengono assegnati i registri personali per tutto l’anno, nei quali compare con inserito il suo nome come insegnante della classe.

ICOTEA_19_dentro articolo

Poiché insegna con orario di part time al 50%, la docente propone al Dirigente Scolastico il piano annuale degli impegni funzionali (riunioni) a cui parteciperà, anche in giorni diversi da quelli in cui insegna, rispettando la proporzione con l’orario di servizio e il Dirigente Scolastico lo approva.

Così facendo la docente riceve, per un anno di insegnamento di dodici ore settimanali, comprese le attività accessorie, l’astronomica cifra di 1.053,34 euro, compresa tredicesima!!. In buona sostanza viene pagata 33 euro al giorno e siccome fa sei ore al giorno si tratta di 5,50 euro all’ora (lordi), invece avrebbe avuto diritto ad un pagamento di circa 8.000,00 euro lordi complessivi.

Trattamento economico docenti part time

Bisogna sapere che ai sensi dell’art.39, comma 10, del CCNL scuola 2006/2009, il trattamento economico del personale con rapporto di lavoro a tempo parziale è proporzionale alla prestazione lavorativa. Quindi la docente impegnata con contratto part time di 12 ore su una cattedra di 24 ore, doveva essere retribuita al 50% della retribuzione mensile intera e per nessun motivo poteva essere retribuita a cottimo, come ha decretato la dirigente reggente che ha firmato i primi contratti e la dirigente titolare subentrata ad anno in corso  che ha continuato ad assumere e licenziare l’ignara docente.

Riconoscimento giuridico ma non economico

La Gilda degli insegnanti di Treviso ha tentato la conciliazione, ma davanti alla Commissione di Conciliazione, riferisce la Coordinatrice della Gilda Michela Gallina, la Pubblica Amministrazione si è dichiarata disponibile a riconoscere solo “ai fini giuridici” il servizio annuo (quindi il punteggio maturato con il servizio), ammettendo implicitamente di avere torto, ma nulla concedendo sul piano economico. Ora, sostiene Michela Gallina, Coordinatrice della Gilda degli Insegnanti di Treviso, alla docente non resta che difendersi davanti al Giudice del Lavoro per vedersi riconoscere l’elementare diritto alla giusta retribuzione per il lavoro svolto e, come aggravante, lo dovrà fare a sue spese