Home Personale Tanto lavoro per i dirigenti scolastici tra esami e nuovi organici

Tanto lavoro per i dirigenti scolastici tra esami e nuovi organici

CONDIVIDI

Tempo non solo di esami, per i presidi, assieme ai vicepresidi

Perché si tratta di verificare e determinare i fondamentali per garantire il prossimo anno scolastico.

Icotea

Penso qui, tanto per farmi capire, alla assegnazione delle classi alle aule, sapendo la loro capienza massima. La conseguenza, per la mia scuola, è evidente: sulla base della diversa capienza, si tratterà poi di decidere in fretta, viste le tante richieste di iscrizione, se accoglierne qualcuna. Oppure se comunicare il diniego.

Nel mio liceo i numeri dicono tutto: 84 classi autorizzate, per 2170 studenti, anche con un accorpamento di classi da completare, coinvolgendo docenti, studenti e genitori.

Poi, ci sono le cattedre da costruire. Sapendo del valore della “continuità didattica”, ma, prima ancora, che la continuità è funzionale anzitutto agli studenti.

Cattedre da costruire, dunque.

Ogni anno, a questo scopo, raccolgo appunti, richieste, osservazioni. Sempre per iscritto, mai per flatus vocis.

Anzitutto, faccio in modo di capire come stanno le cose, per garantire i docenti nel loro servizio. Eppoi, perché non si faccia strada l’idea che sono i genitori e gli studenti che si scelgono i docenti.

In tutte le scuole, lo sappiamo bene, vale la reputazione, cioè il passa parola. E tutti si formano una opinione sui docenti bravi, e su quelli da evitare.

Rispetto alle tante parole, non si accettano mai giudizi a scatola chiusa. Ma se sono supportati da evidenze, credo sia sempre giusto arrivare anche a rompere, se il caso, la continuità didattica.

Quale il criterio fondamentale, che mi è capitato più volte di ribadire all’interno del Collegio dei docenti e del Consiglio di Istituto? L’equilibrio tra e nei consigli di classe.

Al di lá dei criteri, oltre i formalismi, questa è la sostanza.

Per ovvie ragioni di equità e di pari opportunità.

Anche durante gli esami, per i presidi e per i vicepresidi, il pensiero corre dunque a queste e ad altre questioni. Sperando di risolverle il prima possibile. Pensiamo solo all’interfaccia con chi è stato incaricato per l’orario, con chi coordina i corsi di recupero estivi e con la dsga per gli aspetti logistici. Non solo: pensiamo ai mille colloqui richiesti dai genitori per i più svariati motivi. Anche solo per avere qualcuno disposto ad ascoltare.

Perché sperando? Per poter ritagliarsi un po’ di sane ferie.

Ma si sa che i presidi ed i propri collaboratori di ferie ne fanno pochine. Una contraddizione che si fa finta di non vedere, nel marasma del mondo della scuola.