Home Didattica Tempi di…versi, poesie e filastrocche per bambini, la recensione

Tempi di…versi, poesie e filastrocche per bambini, la recensione

CONDIVIDI

Tempi di…versi di Cinzia Pitingaro è una raccolta di poesie e filastrocche che si rivela come prezioso sussidio didattico perché ad ogni filastrocca seguono proposte di esercizi, disegni da colorare e numerosi spunti analitici che rappresentano un’ interessante occasione per approfondire i temi trattati. Realtà, fiaba e fantasia si mescolano in “Tempi di…versi”: un trinomio efficace per stimolare la fantasia, l’immaginazione e l’attenzione dei più piccoli.

Un mondo, quello dei bambini, che Cinzia Pitingaro conosce bene e al quale si approccia con delicatezza, trasmettendo con altrettanta fermezza gli alti valori etici che attraversano tutta la sua poesia dallo spessore di una morale di valore universale. Una delle peculiarità qualificanti del libro è espressa nella possibilità di realizzare alcune attività in autonomia, da parte del singolo studente, senza il supporto degli adulti.

Icotea

Molte si prestano alla transcodifica, come testi teatrali e in altri casi, anche in piccoli gruppi di laboratorio in classe. La semplicità è il tratto che connota al meglio l’universo letterario di Cinzia Pitingaro.

Il libro si presta ad essere letto ad alta voce da adulti, in tal caso si tratta di una lettura mediata. Questa, a scelta dell’adulto secondo l’occasione, può essere espressiva, se si vuole dare molta importanza al testo per intensificare la relazione comunicativa con l’alunno, oppure dialogica se si vuole dare più importanza a chi si ha di fronte, in questo caso ai bambini, magari prendendo spunto da qualche verso e farne inventare altri di sana pianta. Poi, essendo raffigurate molte illustrazioni, si può fare anche la lettura di valenza interattiva che si verifica invitando i bambini a interpretare le figure e a inventarsi qualche storiella. I disegni, poi, sono fatti in modo da essere colorati. Ecco, gli spunti e le esercitazioni sono davvero tanti, per cui lo si consiglia anche come libro delle vacanze”.

Livia De Pietro