Home Attualità TFA sostegno: procedure irregolari in Calabria, secondo Ella Bucalo (FdI)

TFA sostegno: procedure irregolari in Calabria, secondo Ella Bucalo (FdI)

CONDIVIDI

Arriva dall’onorevole Ella Bucalo di Fratelli d’Italia la notiza di irregolarità significative in un altro importante concorso pubblico: si tratta delle prove selettive per l’accesso al tirocinio formativo per il sostegno nella scuola secondaria di primo grado svoltesi il 16 aprile, presso l’Università della Calabria a Rende.
Il 12 giugno scorso Ella Bucalo, con le Wanda Ferro e Paola Frassinetti, ha presentato un’interrogazione parlamentare che nasce anche da alcune indiscrezioni di stampa.
“Durante le prove selettive al tirocinio formativo per il sostegno nella scuola secondaria di primo grado, il 16 aprile, presso l’Università della Calabria a Rende – spiega la deputata di FdI – all’apertura dei plichi alcuni questionari sarebbero risultati incompleti, molti concorrenti sarebbero stati lasciati in possesso di telefoni cellulari e quindi condizione di ricevere dall’esterno le risposte ai questionari, ed infine, le procedure di selezione sono state affidate da una società di consulenza esterna”.
“Lo stesso direttore generale dell’Università della Calabria – sottolinea Bucalo –  ha prima annullato la prova e poi rinviato al 6 maggio in sostituzione della prova annullata, un test preliminare di accesso ai corsi di sostegno 2018/19 per il grado di scuola secondaria di 1° grado. A quanto è dato a sapere analoghe problematiche si sono verificate presso gli atenei di Potenza e Bari”.
“Al ministro dell’istruzione e a quello per la Pubblica Amministrazione – conclude Bucalo –  abbiamo chiesto quali iniziative urgenti intendano assumere per definire, in futuro, modalità alternative di svolgimento delle prove. Ed inoltre se pensano di intensificare i controlli ed eventualmente assumere la gestione diretta dell’espletamento delle prove. Infine se non ritengano utile promuovere una verifica circa le modalità di scelta della società di consulenza esterna”.

CONDIVIDI