Home Alunni Un alunno su quattro non sa ancora che superiori scegliere

Un alunno su quattro non sa ancora che superiori scegliere

CONDIVIDI

Uno studente su quattro del terzo anno della secondaria di primo grado non ha ancora idea di quale scuola scegliere per le superiori. Percentuale che aumenta fra i ragazzi del Sud Italia. Il Sole 24 ore riporta un sondaggio nel quale si evince pure che il 68 per cento degli intervistati è comunque orientato verso, o si è già iscritto, ad un liceo (in maggior misura le ragazze), il 20 per cento ad un istituto tecnico (in maggior misura i ragazzi e al Nord Italia), il 12 per cento ad istituto professionale (in maggior misura nel Sud Italia e nelle isole).

Uno studente su tre vorrebbe che la scuola superiore lo preparasse all’università giusta per fare il lavoro dei suoi sogni, mentre 9 studenti su 10 si dicono convinti che la scelta della scuola superiore sia importante anche per il lavoro che faranno dopo e il 57 per cento ha già in mente il lavoro che cosa farà da grande.

Icotea

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Sette su dieci confidano inoltre di avere paura di non trovare lavoro alla fine degli studi, chiedendo quindi che la scuola li prepari meglio al mondo del lavoro, attraverso l’alternanza scuola-lavoro (16 per cento), attraverso attività di orientamento universitario e post diploma fin dal primo anno (13 per cento), attività pratiche e laboratori (19 per cento), competenze e certificazioni in lingue straniere e in informatica (13 per cento), incontri e visite alle aziende (11 per cento). E se poi questo lavoro proprio non si trova, già alla fine delle ex medie i ragazzi si dicono pronti ad andare all’estero. Tre su quattro non escludono la possibilità o sono convinti che studieranno o lavoreranno all’estero dopo il diploma o la laurea.

A rispondere alle domande sono stati 1.700 i ragazzi: il 58 per cento femmine, il 42 per cento maschi. Il 41 per cento del Nord, il 26 per cento del centro e il 33 per cento del Sud o Isole.