Home Mobilità Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, per i docenti domande dal 20 giugno al...

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, per i docenti domande dal 20 giugno al 4 luglio 2022 [NOTA]

CONDIVIDI

Come abbiamo già comunicato, da oggi, 20 giugno, aprono i termini per la presentazione delle domande di utilizzazione e assegnazione provvisoria, per il personale docente, educativo e ATA, per l’a.s. 2022/23.

In attesa di concludere le trattive volte al rinnovo del CCNI Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie, MI e OO.SS. hanno sottoscritto in data 16 giugno 2022 un’Intesa volta a prorogare per il solo a.s. 2022/23 le disposizioni del contratto collettivo nazionale integrativo, sottoscritto in data 8 luglio 2020, vigente per gli anni scolastici 2019/20, 2020/21 e 2021/22.

Icotea

Con nota del 17 giugno, il MI ha fornito indicazioni in merito a modalità e tempistiche per la presentazione delle domande.

Scadenze e modalità

Per il personale docente l’area Istanze On Line per la presentazione delle domande sarà aperta dal 20 giugno 2022 al 4 luglio 2022.

Le istanze di utilizzazione e di assegnazione provvisoria del personale educativo e degli insegnanti di religione cattolica saranno presentate, sempre dal 20 giugno 2022 al 4 luglio 2022, avvalendosi del modello di domanda pubblicato sul sito del MI nella sezione Mobilità e devono essere presentate, secondo le modalità previste dal Codice dell’amministrazione digitale (es. posta elettronica certificata), all’Ufficio scolastico territorialmente competente.

Le istanze di utilizzazione e di assegnazione provvisoria del personale ATA potranno, invece, essere presentate a partire dal 27 giugno 2022 e fino all’11 luglio 2022. Le domande del predetto personale dovranno essere anch’esse presentate utilizzando modello di domanda che sarà reso disponibile nella sezione Mobilità del sito del MI e dovranno essere inviate, secondo le modalità previste dal Codice dell’amministrazione digitale (es. posta elettronica certificata), all’Ufficio scolastico territorialmente competente.

LA NOTA