Home Mobilità Utilizzazioni e assegnazioni, tutto come previsto da La Tecnica della Scuola

Utilizzazioni e assegnazioni, tutto come previsto da La Tecnica della Scuola

CONDIVIDI
  • Credion

Sulla questione del contratto della mobilità annuale 2016/2017, eravamo stati precisi e concisi nel dire come sarebbero andate le cose.
Infatti oltre 4 mesi fa, precisamente il giorno 11 febbraio 2016, avevamo pubblicato un articolo dal titolo: “Le assegnazioni provvisorie continueranno ad essere su scuola“.
Questa mattina con la firma della pre-intesa sul contratto di mobilità annuale 2016/2017, possiamo dire che le nostre informazioni sono state confermate in modo assolutamente preciso.
In tale articolo avevamo pubblicato lo stralcio di un verbale di accordo tra Miur e sindacati in cui era chiaramente scritto: “Le parti concordano di potenziare nel contratto per le assegnazioni provvisorie le tutele previste dal d.lgs. 151/01 e successive modifiche per le lavoratrici madri e i lavoratori padri, e più in generale le condizioni per l’assegnazione provvisoria fuori provincia “.

In buona sostanza aveva anticipato che le assegnazioni provvisorie ci sarebbero state regolarmente anche per il 2016/2017, e che sarebbero state, ancora per il prossimo anno scolastico, annuali e su scuola. Così di fatto è stato!!

Icotea

In tale articolo avevamo anche preannunciato che ci sarebbe stata una legge che derogasse dal vincolo triennale anche per l’anno 2016/2017 i docenti neoassunti, in modo da consentirgli la possibilità di chiedere l’assegnazione provvisoria, anche interprovinciale. Anche questa legge è stata confermata, consentendo anche ai docenti neoassunti in fase B e C del piano straordinario di assunzioni di potere presentare la domanda di utilizzazione e/o assegnazione provvisoria.
La domanda di mobilità annuale verrà presentata tramite istanze on line,
si prevedono tempi differenti di presentazione dell’istanza, a seconda della fase di mobilità a cui si è partecipato, ma anche in base all’ordine di scuola in cui si è titolari.

Per quali motivi sarà possibile chiedere utilizzazione? Dagli accordi presi tra Miur e sindacati, sembrerebbe che l’utilizzazione può essere richiesta per insegnare sui posti di sostegno per chi è in possesso della specializzazione. La possono richiedere anche i docenti soprannumerari, i docenti trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata e i docenti appartenenti a classe di concorso in esubero provinciale, sia che vogliano cambiare classe di concorso o che vogliano cambiare provincia.

Per quali motivi può essere richiesta l’assegnazione provvisoria? Per due motivi: “il ricongiungimento ai familiari e quindi per esigenze di famiglia, anche per l’assistenza ai familiari disabili e bisognosi di cure continuative oppure per esigenze di disabilità personale e di bisogno di cure continuative personali”.

Restiamo in attesa del contratto di mobilità annuale vero e proprio, per commentare tutti i suoi aspetti normativi.