Home Attualità Vaccini, Pfizer: “Richiamo dopo 21 giorni”. Locatelli: “Efficacia anche dopo 42”

Vaccini, Pfizer: “Richiamo dopo 21 giorni”. Locatelli: “Efficacia anche dopo 42”

CONDIVIDI

Sul richiamo del vaccino Pfizer ci sono due scuole di pensiero differenti. L’azienda farmaceutica statunitense mette in guardia, suggerendo di fare il richiamo dopo tre settimane: “Il vaccino è stato studiato per una seconda somministrazione a 21 giorni – spiega Valeria Marino, direttore medico di Pfizer-Italia a SkyTg24 – dati su un range più lungo non ne abbiamo, come Pfizer dico di attenersi a quello che è emerso dagli studi scientifici, quindi la somministrazione a 21 giorni, perchè questo garantisce i risultati che hanno permesso l’autorizzazione”.

C’è poi l’ipotesi della terza dose di vaccino. “Abbiamo i dati che dimostrano la copertura immunitaria a sei mesi, dobbiamo osservare i successivi sei mesi. Potrebbe non essere necessaria a meno che non intervengano eventuali varianti” afferma ancora Marino.

Icotea

Sul richiamo non sembra d’accordo il presidente del consiglio superiore di sanità e coordinatore del Cts Franco Locatelli. “L’intervallo tra la prima e la seconda somministrazione prolungato alla sesta settimana non inficia minimamente l’efficacia dell’immunizzazione e ci permette di somministrare molte più dosi di vaccino – ha spiegato Locatelli ad ‘Agorà’ – affermazioni come quelle di Pfizer creano sconcerto e sarebbero da evitare”.

Sulla vaccinazione agli studenti l’Italia, come spieghiamo in un altro articolo, attende l’ok dell’Ema e dell’Aifa, ma spera di poter partire dal 1° luglio. Locatelli ha sottolineato come sia importante estendere anche all’età adolescenziale per ridurre la circolazione virale.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook