Home Attualità Von der Leyen: “Variante Omicron avanza e potrebbe bucare i vaccini”. Crisanti:...

Von der Leyen: “Variante Omicron avanza e potrebbe bucare i vaccini”. Crisanti: vaccinate i bambini

CONDIVIDI
  • Credion

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, in conferenza stampa a Bruxelles al termine del Consiglio Europeo, ha sottolineato: “Anche se in questo momento combattiamo ancora contro la variante Deltadel covid, sappiamo che la variante Omicron ci minaccia davvero. Si sta diffondendo ad un ritmo feroce e ha la potenzialità di ‘bucare’ i vaccini, almeno parzialmente. I sistemi sanitari sono sotto pressione, il che è dovuto in parte al gran numero di pazienti non vaccinati. Quindi occorre aumentare la vaccinazione, includere i bambini sopra i 5 anni, fare le terze dosi e usare le misure preventive”.

Omicron, ha detto ancora,  è una variante “difficile e  rappresenta una sfida”. Bisogna “guadagnare tempo, riducendo il più possibile la diffusione della variante tramite la tripla vaccinazione, l’uso delle mascherine e del distanziamento”. 

Icotea

Anche il professor Andrea Crisanti preoccupato per la variante Omicron:  “pericolosa, infetta i vaccinati, che sono protetti dal ricovero. La variante Omicron è già qui ed è pericolosa. In Gran Bretagna presumono di arrivare a 1 milione di casi Omicron al giorno. Una settimana fa lì erano a 50mila casi al giorno, oggi sono arrivati quasi a 90mila. La variante Omicron infetta le persone che hanno fatto 2 dosi di vaccino e ha un vantaggio nei confronti della variante Delta, che viene fermata dal vaccino. Le terze dosi sono una priorità, lo dico da tempo”.

“Bisogna diminuire le possibilità di infettarsi: i mezzi pubblici sono un problema, bisognerebbe usare la mascherina Ffp2. Poi bisogna affrontare il problema delle scuole: bisogna vaccinare i bambini, i dati che arrivano da Usa e Israele sono molto confortanti. Non è come il vaccino contro la varicella, questo vaccino può dare come effetto il mal di testa o la febbre nel 20% dei casi, ma il giorno dopo si sta bene”.