Home Alunni 100 giorni agli esami di Stato. Rispettare la tradizionale “festa” anche in...

100 giorni agli esami di Stato. Rispettare la tradizionale “festa” anche in tempo di covid?

CONDIVIDI

Anche se l’8 marzo può essere il giorno in cui alcune regioni sarebbero costrette a imporre la didattica a distanza al 100%, per molti studenti appare irrinunciabile festeggiare i tradizionali 100 giorni prima del fatidico addio al percorso scolastico. E quel centesimo giorno prima è proprio l’8 marzo.

Tuttavia, considerato appunto il tempo della pandemia, le restrizioni, gli isolamenti, come si comporteranno i ragazzi? Onoreranno lo stesso questa ricorrenza? 

Icotea

Skuola.net lo ha chiesto a 1500 di loro e sembra proprio che ci sia, con riflessione matura,  ben poco da festeggiare. Infatti solo 1 su 10 cercherà di celebrare questi i ‘100 giorni’.

 Dove, invece, le regole non sono così stringenti, la quota sale leggermente: siamo nell’ordine di 1 su 4 (ma la maggior parte lo farà in tono minore rispetto a quanto previsto). 

Inoltre, per questi ultimi, l’aggiornamento dei ‘colori’ del fine settimana potrebbe ulteriormente cambiare le carte in tavola. 

Se ci dovesse essere un aggravamento della situazione 9 su 10 dicono che, probabilmente, rinuncerebbero ai festeggiamenti. 

Circa 1 su 2 invece non sapeva o non ricordava che stessero per arrivare i ‘100 giorni’.

E come festeggeranno?

Nelle aree più a rischio, per 1 su 3 la riunione di classe sarà ‘digitale’, sfruttando le stesse piattaforme usate per la Dad o le chat di gruppo dei social network. Ciò nonostante, il pericolo assembramento potrebbe non essere scongiurato: oltre un quarto (29%) è in cerca di un luogo al chiuso dove riunirsi con i compagni. 

Il 16%, più saggiamente, opterà per una semplice uscita collettiva (pomeridiana) non lontano da casa o da scuola; pochissimi quelli che si vedranno per i tradizionali riti portafortuna (5%).

In ogni  caso la fetta più ampia (36%) nei piani della vigilia vorrebbe riunirsi, magari a pranzo o il pomeriggio, ma in un posto chiuso. L’alternativa più gettonata è l’uscita di gruppo nel quartiere o vicino scuola (22%). Marginale l’opzione online (8%), prendono quota la passeggiata in centro (15%) e i riti scaramantici in luoghi simbolici (10%).