Home Attualità A Palermo la formazione viene finanziata dalla “Ricreazione alternativa”

A Palermo la formazione viene finanziata dalla “Ricreazione alternativa”

CONDIVIDI

Gli studenti e i docenti del Liceo Ninni Cassarà di Palermo lanciano l’iniziativa ‘Ricreazione alternativa’.

“Ricreazione alternativa” prevede l’acquisto di dizionari da usare in classe, divise sportive per il torneo di calcio e donazioni a quei giovani che per motivi economici non potrebbero partecipare alle gite scolastiche, ed è inserita nell’ambito del progetto S.O.S. Scuola ideato dall’Associazione Alveare per il Sociale.

Icotea

‘Ricreazione alternativa’ si svolge una volta al mese nei locali del ‘Bar del Cassarà’, uno spazio del Liceo riqualificato e trasformato in un luogo di aggregazione, protagonista peraltro dell’omonima web serie prodotta un anno fa da Rai Fiction e da L’Alveare Cinema.

“Portiamo al Bar Cassarà i dolci fatti in casa, vengono a consumarli in cambio di un’offerta studenti e docenti e con il ricavato creiamo un fondo cassa per attività culturali e sociali”, racconta Vincenzo Lo Verso, studente del Liceo Cassarà e tra i protagonisti della web serie.

“Dopo il progetto S.O.S. Scuola avviato due anni fa che ha trasformato il nostro Liceo in un luogo di bellezza oltre che di formazione, non abbiamo smesso di innovare e creare – conclude la preside del Liceo Cassarà, Daniela Crimi -, adesso vorremmo creare uno spazio per la musica, uno per la web radio e un altro per la formazione cinematografica grazie al supporto di Paolo Bianchini, regista de L’Alveare Cinema”.