Home Archivio storico 1998-2013 Generico A Roma torna “Acqua spreco zero”

A Roma torna “Acqua spreco zero”

CONDIVIDI
  • Credion
Torna a Roma il progetto “Acqua spreco zero”, con oltre mille i bambini che durante l’anno scolastico in corso si prevede di coinvolgere alla quarta edizione della campagna di sensibilizzazione e di formazione sull`uso consapevole dell`acqua. “La nostra città ha una delle acque migliori del mondo: dobbiamo far sì che se ne sprechi sempre meno”, ha spiegato l`assessore alla Famiglia, all`Educazione e ai Giovani di Roma Capitale, Gianluigi De Palo, presentando l’11 febbraio il progetto aperto alle scuole primarie, promosso con l`associazione Next Generation Act, in collaborazione con Acea.
“In tre anni – aggiunge De Palo – sono stati installati circa 2.400 riduttori di flusso idrico ai rubinetti di bagni e mense scolastiche di Roma Capitale e quest`anno ne aggiungeremo altri 300 per un totale di 2.700: cifra più che significativa, perché ciascuno di essi, a parità di utilizzo, consente di risparmiare circa il 50% di acqua. Il messaggio che vogliamo lanciare alla città è semplice: chi è attento a non sprecare l`acqua è un cittadino migliore”.
“Iniziative come questa sono molto utili, perché insegnano ai giovani che l`acqua è un bene prezioso e sempre meno disponibile nel mondo, che va rispettato e usato con parsimonia. Dobbiamo educare ed educarci a stili di vita nuovi, promuovendo – ha concluso De Palo – sempre più anche a scuola l`educazione all`uso sostenibile delle risorse naturali”.

Con questa iniziativa, gli organizzatori puntano a coinvolgere 40 classi di 10 plessi di scuole primarie di Roma: svolgeranno, insieme e sotto la guida di un loro insegnante, un percorso didattico di approfondimento sul tema del risparmio delle risorse idriche che vedrà la realizzazione di un lavoro grafico creativo.