Home Generale A scuola anche i furti hanno “bisogno di informazione”

A scuola anche i furti hanno “bisogno di informazione”

CONDIVIDI
  • Credion

Trovatosi con le spalle al muro, il 47enne ha ammesso che voleva svuotare il distributore di merendine della scuola, come aveva appena fatto nell’istituto superiore “Gigli” di Rovato (la refurtiva, 50 euro in monetine, è stata trovata all’interno del suo furgone). L’uomo è ai domiciliari, in attesa del processo in direttissima che si celebrerà già domani. Questo è quanto scritto sull’edizione online del Giornale di Brescia. La notizia riportata dai quotidiani nazionali si arricchisce nel modo seguente: “Un ladro maldestro e poco informatico tenta un furto, ieri sera, tenta un furto presso la scuola primaria “Giuseppe Antonio Galignani” di Palazzolo sull’Oglio. Essendo sede di seggio l’istituto era presidiato da due carabinieri, che lo hanno colto col piede di porco in mano. L’uomo, un disoccupato 47enne residente Castelcovati, aveva appena forzato la porta antipanico della scuola, quando si è trovato di fronte i due carabinieri “.