Home Didattica A scuola di coraggio

A scuola di coraggio

CONDIVIDI

Su L’Internazionale, il prof Tullio De Mauro, già ministro dell’istruzione e accademico dei Lincei, tiene una rubrica sulla scuola dove tratta gli argomenti più importanti accaduti nelle settimana. Oggi il prof si occupa della tragedia di Parigi e del ruolo che la scuola e l’istruzione possono avere. 

“Insegnanti sotto esame: in Francia si discute nella stampa specializzata e nei blog di ciò che in classe si può dire e fare a proposito delle stragi del 13 novembre e della lotta al terrorismo. La Toile de l’éducation propone una selezione di testi. Tra tutti pare emergerne uno di un secolo fa, scelto e riproposto a Lilla il 14 novembre in un convegno dell’Aphg, l’associazione dei professori di storia e geo­grafia. È un discorso rivolto nel 1904 da Jean Jaurès agli studenti del liceo in cui aveva insegnato prima di diventare deputato, leader dei socialisti francesi e ispiratore e teorico del pacifismo, l’ideale per cui fu assassinato nel 1914 all’alba della prima guerra mondiale da un protofascista.

Icotea

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Diceva tra l’altro Jaurès: “L’umanità è maledetta se per dare prova di coraggio si condanna eternamente a uccidere. Il coraggio oggi non è far vagare sul mondo la terribile nube della guerra. E non è lasciare alla forza la soluzione di conflitti che la ragione può risolvere. Per voi il coraggio deve essere quello di ogni ora: è saper sopportare le prove fisiche e morali che la vita impone di continuo. Il coraggio è scegliere un mestiere, farlo bene, non disgustarsi per dettagli monotoni e fastidiosi. In qualunque mestiere bisogna esser sia pratici sia filosofi. Il coraggio è amare la vita e pensare con serenità alla morte. È camminare verso l’ideale comprendendo la realtà. Il coraggio è cercar la verità e dirla, non cedere alla menzogna, non associarsi alle urla dei fanatici”.