Home Archivio storico 1998-2013 Generico A Trento niente esami di riparazione. Molte le polemiche

A Trento niente esami di riparazione. Molte le polemiche

CONDIVIDI
  • Credion

Si è deciso nella Provincia autonoma di Trento di non reintrodurre i famigerati esami di riparazione a settembre, voluti dal Ministro della pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, con il decreto n.80 del 3 ottobre 2007, per gli alunni che a giugno avranno debiti in qualche materia.

 
Una “controriforma” messa in atto dal Governatore di Trento Lorenzo Dellai, con delega all’istruzione pubblica, che spiega: “le ordinanze ministeriali hanno valore solo ed esclusivamente se recepite con atto normativo della Provincia”.
La decisione è stata presa anche perché pare che a Trento la situazione scolastica degli studenti sia migliore rispetto alle altre zone d’Italia. Inoltre, il governatore Dellai vorrebbe dare ai suoi giovani un’ulteriore chance. Per quelli che non saldano il debito formativo, infatti, il solo obbligo sarebbe di frequentare un corso di recupero “di durata non inferiore al 10% del monte ore annuale” della materia dove incontrano difficoltà.
Alla bocciatura degli esami di riparazione sono contrari le organizzazioni sindacali, molti dirigenti scolastici e professori. Per tanti cittadini la decisione appare “elettoralistica”. Ma di queste opinioni Dellai sembra non preoccuparsene. A Trento non si boccia!