Home Aggiornamento docenti Aggiornamento prof, lo Spid non entusiasma: 1 su 4 non ha ancora...

Aggiornamento prof, lo Spid non entusiasma: 1 su 4 non ha ancora il borsellino elettronico

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sarebbero oltre 150mila gli insegnanti di ruolo che per il loro aggiornamento professionale sinora non hanno utilizzato la card da 500 euro messa a disposizione dal Miur.

E nemmeno si sono iscritti al Sistema Pubblico di Identità Digitale, sebbene vi siano modalità di accesso semplificate. E’ quanto si evince dai risultati in materia di formazione del personale scolastico presentati il 26 luglio a Roma dal Miur: durante l’incontro “Il Piano nazionale scuola digitale incontra il Paese”, è stato infatti comunicato che ad oggi per quanto riguarda la Carta del docente, sono 568.033 le utenze attivate.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ora, considerando che ad accedere all’aggiornamento professionale obbligatorio sono circa 720mila docenti di ruolo, viene da chiedersi come mai oltre 150 mila ad una manciata di giorni dal termine dell’anno scolastico 2016/17, durante il quale è stata introdotta la fruizione all’aggiornamento tramite card e prenotazioni telematiche, vi sia quasi il 25% dei docenti (uno su quattro) che non ha ancora aderito (due mesi fa erano uno su tre, con circa 480 iscrizioni al cosidetto “borsellino elettronico”).

 

{loadposition carta-docente}

 

La spiegazione, considerando che con la Buona Scuola la formazione è divenuta obbligatoria, potrebbe essere legata al fatto che questi maestri e prof non hanno avuto bisogno di fruire dei 500 euro di rimborso assegnati dal Miur. E che, quindi, sia siano rivolti a strutture o corsi di aggiornamento-formazione non a pagamento, spesso organizzati all’interno dalla propria scuola.

Ci sono poi altri due dati numerici comunicati dal Miur: quello relativo a “35.000 esercenti registrati”, cui i docenti possono rivolgersi per acquistare corsi o materiale utile alla professione. E quello relativo al fatto che per l’anno in corso, attraverso le modalità telematiche, sono stati spesi comunque già “oltre 200 i milioni di euro”.

Insomma, i numeri sono grandi ma sarebbero potuti esserlo ancora di più se tutti i docenti avessero avviato lo Spid.

{loadposition facebook}

Preparazione concorso ordinario inglese