Home I lettori ci scrivono Ai meritevoli niente stipendio, altro che valorizzazione delle risorse!

Ai meritevoli niente stipendio, altro che valorizzazione delle risorse!

CONDIVIDI

Ho famiglia, un duro lavoro da insegnante precaria, una abilitazione all’insegnamento conseguita con il duro percorso del Tfa e mi trovo nell’assurda situazione in cui da 2 mesi non percepisco stipendio per presunti problemi amministrativi dello Stato.

Come faccio a pagare le tasse di uno Stato che le pretende sempre e comunque, come pago l’affitto, l’assicurazione dell’auto che mi serve per recarmi sul posto di lavoro, il cibo e i vestiti per i miei figli?

Icotea

Sono una docente di serie B, una precaria, che lo Stato non vuole proprio assumere a tempo indeterminato perché troppo giovane per partecipare al “concorso docenti del 2012”, quello tanto pubblicizzato dal ministro Profumo, che nel Paese dove il corpo docenti è il più anziano, vietava la partecipazione al concorso a cattedra proprio ai docenti più giovani.
Oggi leggo che un dirigente del Miur (quelli che prendono ogni mese stipendi da capogiro e firmano i decreti tipo quelli che mi stanno rovinando la vita) ha comunicato che i docenti che stanno svolgendo il Pas (percorso per l’abilitazione all’insegnamento che non prevede selezione in ingresso e riservato a docenti con 3 anni di servizio) saranno inseriti in graduatoria di II fascia con una riserva che si scioglierà non appena conseguiranno il titolo. Praticamente io che ho conseguito un’abilitazione con 3 prove altamente selettive in ingresso, chiamata Tfa e non mi è finora stato concesso l’inserimento in alcuna graduatoria, sarò presto scavalcata da coloro che hanno fatto un corso senza nessuna selezione in ingresso e quindi sarò presto disoccupata.
Alla faccia della valorizzazione del merito: se sei brava, oggi non ti pago e domani ti butto fuori!

E poi dicono in tv che bisogna premiare docenti giovani e meritevoli, i giornalisti dovrebbero dare voce al dolore del popolo che grida verità vergognose come la mia e non servire sempre il potente di turno.