Home Alunni Aids: meno casi positivi, ma aumentano i contagi tra giovani

Aids: meno casi positivi, ma aumentano i contagi tra giovani

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In occasione della Giornata mondiale contro Hiv, la necessità di non abbassare l’attenzione contro l’Aids è stata nuovamente portata all’attenzione pubblica.

Buoni i dati della Toscana

Buoni i dati della Toscana relativi al 2018: riduzione delle notifiche di Hiv  del 20%, mentre fino al 2016 venivano segnalati circa 300 casi, fortunatamente scesi lo scorso anno a 211. La diminuzione delle infezioni è stata registrata a prescindere dalla modalità di trasmissione: la più frequente è risultata quella eterosessuale (48,2 %, rispettivamente 26,2 maschi e 22% femmine), seguita da Msm (46,6%); la trasmissione attraverso lo scambio di siringhe è stata riferita nel 5,2%.

I dati in Italia

In Italia al 31 maggio 2019 sono state registrate 2.847 nuove diagnosi di infezione da Hiv pari a 4,7 nuovi casi per 100 mila residenti. Sono diminuite di circa il 20% rispetto all’anno precedente, ma è aumentata l’incidenza di nuove diagnosi tra i giovani di età inferiore a 25 anni che ha mostrato un picco nel 2017. I soggetti che hanno scoperto di essere Hiv positive nel 2018 sono maschi nell’85,6% dei casi. L’incidenza della malattia più alta è stata registrata in Lazio, Toscana e Liguria.

ICOTEA_19_dentro articolo

Infettati inconsapevoli

Sembra inoltre che siano circa 15mila le persone che non sanno di essere infette e che ritardano inconsapevolmente la diagnosi non sottoponendosi al test Hiv, considerato che la diagnosi precoce consente di trattare meglio l’infezione, più rapidamente e in modo più efficace.

La scuola e l’educazione sessuale

Per il Viceministro della Salute dunque Pierpaolo Sileri: «Il fatto che l’incidenza più alta di nuove diagnosi di HIV continui a essere registrata tra i giovani adulti, di età compresa tra i 25 e i 29 anni, ci deve preoccupare. Tra le nuove generazioni c’è una scarsa consapevolezza e conoscenza del virus, di come si trasmetta e di cosa fare per difendersi dal rischio di infezione. Molti confondono la prevenzione delle gravidanze indesiderate, mediante l’uso della pillola contraccettiva, con la prevenzione Hiv e dalle altre malattie che si possono prendere durante un rapporto sessuale non protetto, contro cui l’unica arma davvero efficace è il profilattico. Molti altri invece si vergognano a comprare i profilattici. Dobbiamo dunque domandarci quali siano le ragioni e trovare una soluzione per superare pregiudizi e imbarazzi. Sarebbe importante introdurre l’educazione sessuale nelle scuole, prevista tra l’altro da un protocollo d’intesa del 2015 tra il ministero della Salute e il Miur e per cui esiste già una proposta di linee di indirizzo. Sarebbero utili anche iniziative per la distribuzione gratuita di preservativi agli studenti delle università e delle scuole secondarie di secondo grado».

Preparazione concorso ordinario inglese