Home Attualità Alfano: in Italia si può stare tranquilli

Alfano: in Italia si può stare tranquilli

CONDIVIDI

Per il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, “nel nostro Paese si può stare tranquilli, il sistema di intelligence e quello di prevenzione funzionano ma nessun Paese è a rischio zero”.

Approfondendo i temi del terrorismo, ha pure spiegato che, nella specificità italiana, al momento non sono emersi contatti con la criminalità organizzata. “Un legame diretto e netto fra terrorismo e criminalità organizzata non è emerso in termini netti  ma abbiamo una serie di indizi. Tuttavia un legame diretto non è ancora emerso. Se emergesse lo contrasteremmo”.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition bonus}

Quanto alle polemiche sulla supposta scarsa partecipazione di persone nelle manifestazioni contro il terrorismo e il cosiddetto Stato islamico, Alfano ha detto che si è trattato comunque di un segno importante. Una scarsa partecipazione dovuta anche al maltempo e che “non toglie nulla all’importanza del gesto”. Il responsabile del Viminale ha, quindi, ricordato che in Italia “c’è libertà di culto e che nella Costituzione il nostro diritto a pregare è lo stesso” per un cattolico come per un musulmano. Deve però essere chiaro che chiunque predicherà, farà proselitismo o parteciperà in qualsiasi modo al cosmo del terrorismo fondamentalista verrà arrestato e “buttato fuori dal nostro Paese”, come già si sta facendo. Il ministro ha infine reso noto che il giovane che in una trasmissione televisiva ha avuto parole di non condanna per il terrorismo dopo le stragi di Parigi “è già stato individuato, interrogato e per lui sono in atto le procedure di espulsione”.