Home Alunni Anche in Campania parte la “lezione capovolta”

Anche in Campania parte la “lezione capovolta”

CONDIVIDI

La famosa “flipped class”, ovvero “lezione capovolta”, parte anche in un istituto napoletano dove appunto i contenuti si studiano a casa, grazie a supporti disponibili on line, mentre il tempo di lavoro in classe è dedicato esclusivamente al confronto con il docente, al dibattito con i compagni e all’approfondimento.

 L’esperimento, al quale i docenti hanno aderito su base volontaria, è attivato per tutte le materie e coinvolge classi “eterogenee, con ragazzi di tutti i tipi: motivati, meno motivati, disabili, immigrati, siamo convinti che l’apprendimento sia un processo collettivo, partecipativo, cioè che si impari insieme”: spiega il preside.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Che aggiunge: “Con questo sistema le famiglie spendono la metà in libri, cioè i 250 euro necessari per l’acquisto di un notebook”, anche se l’obiettivo principale della “flipped class”, è avere “risultati migliori basati sul maggior entusiasmo dei ragazzi”. Il numero di domande di iscrizione alle due classi sperimentali, infatti, è stato superiore ai posti disponibili, anche se, per un primo bilancio dell’esperienza, Pezza invita alla cautela: “a soli tre mesi dall’avvio delle lezioni, in un anno ‘particolarmente tormentato’, è difficile dire se le cose vanno bene o male, e proprio stamattina ho dovuto affrontare alcuni problemi tecnici, che ogni tanto ci sono”.