Home Attualità Andreoli: “Ai giovani mancano gli esempi. Social per frustrati. Facebook andrebbe chiuso”

Andreoli: “Ai giovani mancano gli esempi. Social per frustrati. Facebook andrebbe chiuso”

CONDIVIDI
  • Credion

Dura invettiva del celebre psichiatra, Vittorino Andreoli. In un’intervista rilasciata a Il Giornale, l’ex direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona e autore di numerosi saggi e romanzi, parla della solitudine e della percezione nel mon: “Siamo intossicati da rumori, parole, messaggi e tutto ciò che occupa la nostra mente nella fase percettiva. Il bisogno di solitudine è una condizione in cui poter pensare ancora. Oggi sono morte le ideologie, è morta la fantasia. Siamo solamente dei recettori”.

Facebook da chiudere

Andreoli si scaglia contro i social network: “Facebook andrebbe chiuso. Lì abbiamo perso l’individualità, crediamo di avere un potere che è inesistente. L’individuo non sta nelle cose che mostra ma in ciò che non dice. Invece i social ci spingono a dire tutto, ci banalizzano. I social sono un bisogno di esistere perché siamo morti. Creano una condizione di compenso per le persone frustrate […] Quando non si sa più distinguere tra virtuale e reale è pericoloso. Si estende l’apprendimento virtuale nella propria casa, nella propria vita”.

Icotea

Paura per i giovani

“Io sono molto preoccupato. Non siamo più capaci di aiutarli […] Mancano gli esempi dei padri che, a loro volta, hanno bisogno di non essere frustrati. Il male non è mai singolo. C’è qualcosa che non funziona a livello sociale”: