Home Attualità Appello alla ministra Carrozza dai docenti laureati e laureandi in Scienza della...

Appello alla ministra Carrozza dai docenti laureati e laureandi in Scienza della formazione primaria

CONDIVIDI
  • GUERINI

Onorevole Ministro Maria Chiara Carrozza, 
con questo scritto vogliamo sottoporre all’attenzione Sua, del MIUR, del Parlamento Italiano e dell’opinione pubblica tutta, la grave e annosa situazione nella quale versano i docenti laureati e laureandi in Scienze della Formazione Primaria (SFP) e, in particolare, i maestri di scuola primaria e infanzia iscritti al corso di laurea quadriennale del Vecchio Ordinamento (VO) negli anni accademici 2008-2011.
La Facoltà di Scienze della Formazione Primaria, nata col Decreto Ministeriale 26 maggio 1998, abilita pienamente all’esercizio della professione di maestro nella scuola primaria e dell’infanzia, previo superamento di una prova di ammissione con valore concorsuale e di un percorso accademico strutturato in 40 esami, 8 laboratori e 4 tirocini, coronato, poi, dalla discussione della tesi di laurea, valevole come esame di Stato, dinanzi a un ispettore del MIUR.
In seguito all’emanazione della Legge 296/2006, questo percorso di studi ha subito un grave vulnus, a causa della chiusura delle Graduatorie Permanenti, trasformate, da allora, in Graduatorie ad Esaurimento (GaE).
L’accesso alle Graduatorie, che rappresenta, attualmente, l’unico vero canale di reclutamento per i docenti, è stato quindi negato, senza valida motivazione, dal 2006, a migliaia di docenti che hanno effettuato lo stesso identico percorso dei colleghi già inseriti in GaE.

A questa inaccettabile discriminazione, si è aggiunta la beffa. La Laurea in Scienze della Formazione Primaria, da ormai quindici anni, permette a tutti i diplomati di conseguire l’abilitazione.
Nonostante ciò, si è ritenuto opportuno istituire Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) per tutte le classi di concorso, infanzia e primaria incluse, che permettono ai semplici diplomati di scavalcare il percorso universitario appositamente creato e di godere degli stessi diritti dei laureati in SFP. Per completare l’assurdo disegno, si vogliono ammettere ai corsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni diversamente abili anche docenti in possesso di Diploma Magistrale ante 2000/2001, nonostante la legge chiaramente richieda, per la partecipazione a questi corsi, un’abilitazione che i sopradetti non possiedono.
Quanto brevemente esposto, lede la dignità e la professionalità di chi ha seguito, con sacrificio, l’iter istituzionale, mostra gli evidenti pressapochismi, le incapacità e le croniche inadempienze del MIUR ed evidenzia il concreto disinteresse delle Istituzioni e di gran parte del mondo politico e sindacale per la formazione dei cittadini, soprattutto di quelli più svantaggiati, che necessitano di un sostegno didattico che può essere offerto solo da docenti laureati e specializzati.


A motivo di quanto esposto, i docenti abilitati e abilitandi di SFP si sono organizzati per tutelare il proprio diritto al lavoro e la propria professionalità. Grazie alle continue pressioni e all’azione di politici e sigle sindacali sensibili al problema, con il D.M. N.53 del 14 giugno 2012, è stata istituita una fascia aggiuntiva alla III GaE, la cosiddetta IV fascia, che però, ha discriminato ulteriormente i laureati e laureandi in Scienze della Formazione Primaria iscritti dal 2008 al 2010 e paradossalmente aggravato la disparità esistente tra coloro che hanno compiuto lo stesso iter di studi, frequentato le stesse ore di tirocinio e laboratori e sostenuto gli stessi esami degli immatricolati ante 2008. Infatti, la IV fascia ha permesso, da una parte, l’inserimento in coda alle GaE di diversi docenti, ma, dall’altra, l’esclusione dall’inserimento nella sopradetta fascia sia di coloro che dopo marzo 2012 hanno conseguito il titolo, sia degli abilitandi, perché iscritti agli anni accademici 2008- 2009, 2009-2010, 2010-2011.
In base a quanto esposto, chiediamo dunque, avendo effettuato il medesimo percorso formativo e avendo conseguito il medesimo titolo accademico dei colleghi già immessi nelle GaE, di essere inseriti nella III fascia delle Graduatorie a Esaurimento.


A questo proposito ci rivolgiamo a Voi, Onorevole Ministro Carrozza, gentile Sottosegretario Marco Rossi Doria, perché le parole pronunciate sul merito e sull’urgenza di dare un volto nuovo alla Scuola, attraverso docenti adeguatamente formati, si concretizzino; chiediamo perciò che nostri delegati siano da Voi ricevuti per affrontare e risolvere definitivamente il problema, con la speranza che i sacrifici economici, le fatiche e gli anni impegnati nella formazione, possano avere la giusta ricompensa e, allo stesso tempo, si ponga fine a un’ingiustizia che punisce merito e legalità.



Cordialmente:
Coordinamento Nazionale Docenti Abilitati e Abilitandi per le GaE
Dott.ssa Carola Salvati e-mail [email protected]
Dott.ssa Alessandra Ghisu e-mail: [email protected]
Dott.re Giovanni Marras e-mail [email protected]

Icotea