Home Didattica Arriva il “tutor aziendale per avvicinare i giovani all’impresa”

Arriva il “tutor aziendale per avvicinare i giovani all’impresa”

CONDIVIDI
  • Credion

Andrea Cafà, presidente di Fonarcom, fondo paritetico interprofessionale nazionale, creato da Cifa e Confsal che finanzia la formazione continua dei lavoratori e dei dirigenti delle aziende italiane, ha affermato: “Fonarcom è molto impegnato nell’ambito delle politiche attive ed è molto attento a riforme come la ‘Buona scuola’ che avvicinano il giovane all’azienda”.

 “Proprio per questo, Fonarcom ha creato uno strumento che si integra benissimo con la riforma della ‘Buona scuola’ che va a finanziare attraverso un voucher la formazione di un tutor aziendale, affinché questi possa andare a presentare l’azienda alla scuola, illustrare un percorso di crescita all’interno dell’azienda al ragazzo e possa poi essere là ad accogliere il giovane e fargli fare quell’esperienza necessaria per permettergli di acquisire le competenze che poi gli serviranno per entrare nel mondo del lavoro”.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

In pratica le aziende, sempre in spasmodica ricerca di fondi e di agevolazioni, si adoperano per scaricare allo Stato la formazione di giovani adatti al loro business. Che potrebbe essere un bene se si creasse invece sinergia fra le scuole professionali e le imprese che in qualche modo dovrebbero contribuire a dare una mano all’istruzione tecnica, pagando magari gli studenti quando si spostano per fare praticantato o attrezzando gli istituti degli apparecchi adatti e utili.

Si paga il tutor per istruire i ragazzi ma non si pagano i ragazzi che lavorano, seppure per fare esperienza, nelle imprese.

Ragazzi di bottega insomma da sfruttare fino a quando gli utili sono positivi e poi da licenziare magari al primo stormire di vento contrario, mentre l’istruzione, per formare il pensiero critico in modo da capire e interpretare il mondo, è faccenda che alle aziende non interessa, anzi