Home Precari Assunta, licenziata e poi (forse) riassunta. L’odissea di una docente di sostegno

Assunta, licenziata e poi (forse) riassunta. L’odissea di una docente di sostegno

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Una vicenda paradossale, quella che vede protagonista una docente di sostegno, Chiara Maffucci, originaria di Foggia, ma per motivi di lavoro residente a Foggia.

La docente, nel giro di pochi mesi, è stata assunta a scuola, licenziata e poi (forse) riassunta grazie a un provvedimento cautelare.

La vicenda

“Proprio stamattina (ieri, ndr) – racconta la docente all’ANSA – ero al Provveditorato per chiedere lumi dopo l’ultima sentenza del Consiglio di Stato. Ma ci sono ancora complicazioni”.

ICOTEA_19_dentro articolo

A sconvolgere la vita di Maffucci sono state negli ultimi mesi del 2017 ben due sentenze amministrative

La prima, del Tar, riguarda il titolo di diploma di sperimentazione a titolo linguistico e l’inserimento nella seconda fascia di graduatoria.

La seconda, quella ormai famosa del Consiglio di Stato, riguardante il caso di 40mila docenti e il loro titolo non più abilitante.

Non molla

Una dura botta per la docente, che viene licenziata della sua scuola di Parma visto “il provvedimento di cancellazione dalle graduatorie a esaurimento e di istituto della scuola primaria e dell’infanzia per mancanza di ‘specifica abilitazione'”.

Da allora la docente non riesce più a mettere piede in un’aula, nemmeno con le richieste di messa a disposizione.

Maffucci, però, non molla ed è arrivato il primo risultato “positivo”: la sentenza del Consiglio di Stato che accoglie l’istanza cautelare e sospende esecutività del provvedimento del Tar. Sul merito si deciderà il 21 giugno, paradossalmente quando in classe non si potrà più entrare.

“Ora – spiega ancora all’ANSA – grazie alla sentenza cercherò di rientrare almeno nella graduatoria”.

Ma per ritornare al suo posto di lavoro ci sarà ancora da sudare.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese