Home Precari Assunti fuori provincia solo il 10% dei precari e dal 2015 addio...

Assunti fuori provincia solo il 10% dei precari e dal 2015 addio supplenze lunghe

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“Con l’inizio dell’anno scolastico 2016-2017 contiamo di eliminare completamente le supplenze lunghe e se riusciamo a trovare nuove risorse, eviteremo anche mobilità eccessive”.

A dirlo è stato, il 30 settembre, il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone, al termine della riunione con i dirigenti degli Uffici scolastici regionali e provinciali della Liguria. Rispondendo alle tante proteste sui trasferimenti degli insegnanti, Faraone ha rimarcato che “solo il 10% degli insegnanti si sposterà e oggi firmano un contratto a tempo indeterminato. E’ un grande successo della Buona Scuola”. Dalle stime di Faraone, quindi, dovrebbe essere inferiore alle 10mila unità il numero di docenti costretti a spostarsi di provincia per ottenere l’immissione in ruolo: con la fase C del piano assunzioni, quindi, dovrebbe essere davvero ridotto al minimo il fenomeno.

ICOTEA_19_dentro articolo

A tal proposito, Faraone ha anche parlato di potenziamento dell’autonomia scolastica: con la riforma, ha detto, saranno “le scuole, non i dirigenti ad avere più potere. Perciò attendiamo dalle scuole proposte per nuove attività che oggi si facevano in modo quasi abusivo. Ci aspettiamo elementi di fantasia”, ha concluso il sottosegretario.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

Preparazione concorso ordinario inglese