Home Politica scolastica Assunzioni, in Sardegna quasi la metà dei docenti aventi diritto non ha...

Assunzioni, in Sardegna quasi la metà dei docenti aventi diritto non ha presentato domanda

CONDIVIDI
webaccademia 2020

È indubbiamente la Sardegna la regione dove c’è più fermento contro le fasi B e C di assunzioni previste dalla riforma: il 27 agosto i precari hanno di nuovo manifestato, stavolta davanti l’Usr.

Una lavagna appesa a un albero con la scritta: “La scuola pubblica è finita, grazie Renzi e Giannini”. È il simbolo della protesta di questo pomeriggio davanti all’Ufficio scolastico regionale in piazza Galilei a Cagliari indetta dai sindacati

ICOTEA_19_dentro articolo

Al sit-in – organizzato da Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals, Gilda e Cobas – hanno partecipato alcune centinaia di persone. Presenti anche professori e maestri del comitato Valigie del 10 agosto.

La richiesta principale dei contestatori è stata quella di bloccare il loro trasferimento nel “Continente”, con il conseguente distacco da case e famiglie. “Quasi il 50% – hanno sottolineato i sindacati – dei docenti precari sardi che potevano farlo non hanno presentato la domanda di partecipazione al piano straordinario previsto dal governo. La prospettiva di una emigrazione forzata, rinunciando a famiglia, casa e un progetto di vita da tempo iniziato, hanno convinto tante e tanti docenti precari a non presentare domanda, col rischio di un futuro di disoccupazione”.

Tra i motivi di protesta, anche la mancata assunzione del personale Ata: una realtà – hanno sottolineato – “ignorata volutamente dalla legge di riforma”. “La nostra azione – ha detto un rappresentante della Cgil – sarà finalizzata al superamento della legge di stabilità. Evidenzieremo con forza nelle sedi politiche e istituzionali la non sostituibilità della professionalità Ata nelle scuole”.

 

{loadposition eb-territorio}

 

Per questi motivi, hanno detto sempre i sindacalisti, le proteste contro la Buona scuola non si arrestano: sabato prossimo sono previsti gli “Stati generali della scuola sarda” promossi dal deputato di Unidos Mauro Pili. Mentre continuano senza sosta anche le iniziative degli insegnanti con i trolley: il Comitato Valigie del 10 agosto nei giorni scorsi ha chiesto aiuto e conforto anche al Papa.

C’è, infine, il problema della scarsità di personale assegnato agli istituti dell’Isola: “bisogna aggiornare l’organico di fatto – ha spiegato Tiziana Sanna, Cgil – perché con l’organico di diritto si rischia di non riuscire ad aprire qualche scuola”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

Preparazione concorso ordinario inglese