Home I lettori ci scrivono Ata, eutanasia di una categoria di lavoratori?

Ata, eutanasia di una categoria di lavoratori?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

E’ davvero sconcertante come il governo Renzi continui ad essere sordo agli interrogativi del personale ATA anche dopo l’approvazione della L. 107/15 . L’amministrazione scolastica e i servizi generali della scuola non possono essere ignorati, perché la scuola rientra nella pubblica amministrazione. Anche se non si è voluto affrontare la questione ATA nella Riforma della cosiddetta Buona Scuola, non si può continuare ad ignorare il problema ed è indispensabile fare chiarezza. Anche per gli ATA ci sono le graduatorie provinciali permanenti: che fine faranno? Continueranno ad esistere? Se la legge 107/15 stabilisce che dopo i 36 mesi non è più consentito stipulare i contratti con i supplenti (unico comma in cui si parla anche degli ATA nella legge), pare evidente che le GAE ATA andranno a scomparire in una lenta ed inesorabile eutanasia. Mi sbaglierò e se sono nell’errore, il legislatore mi chiarisca il meccanismo.

Intanto il diritto, sancito dalla Corte Europea sull’assunzione a tempo indeterminato di coloro che hanno già fatto i 36 mesi di servizio dov’è finito per gli ATA? Insomma il personale amministrativo-tecnico-ausiliario come verrà reclutato in futuro? I concorsi per la mobilità verticale ci saranno ancora? Sono sicuro che il legislatore non disdegnerà di abbassare il suo sguardo su questa componente del personale scolastico e attiverà le sue competenze ,per inserirlo in maniera chiara nel più ampio quadro della recente Riforma della Scuola.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese