Home Archivio storico 1998-2013 Generico Attribuite le deleghe ai Sottosegretari per la Pubblica Istruzione

Attribuite le deleghe ai Sottosegretari per la Pubblica Istruzione

CONDIVIDI

Queste le deleghe in dettaglio:

Al Sottosegretario di Stato Sen. Prof.ssa Silvia Barbieri è stata conferita la delega per le seguenti materie:

Icotea

a) problematiche concernenti l’attuazione dell’autonomia scolastica e il prolungamento dell’obbligo scolastico;
b) problematiche concernenti l’edilizia scolastica;
c) provvedimenti di autorizzazione delle speri-mentazioni di ordinamento e di struttura;
d) interventi cofinanziati dai fondi strutturali dell’Unione Europea in coordinamento con il Sottosegretario Manzini;
e) partecipazione ai lavori  della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, nonché alle riunioni della Conferenza Stato – regioni, della Conferenza Stato – città ed autonomie locali e della Conferenza unificata, per le materie di competenza.

Il Sottosegretario di Stato Sen. Prof.ssa Carla Rocchi sarà competente, invece per i seguenti settori:

a) problematiche concernenti l’attuazione delle politiche giovanili (dispersione scolastica, educazioni varie, attività sportiva, orientamento);
b) consulte degli studenti;
c) organi collegiali della scuola;
d) educazione ambientale per la realizzazione nell’ambito dei programmi vigenti e nel quadro dell’accordo con il Ministero per l’ambiente, di attività educativo-didattiche interdisciplinari;
e) rapporti scuola-famiglia, pari opportunità, educazione interculturale;
f) problematiche riguardanti le Accademie di Belle Arti, l’Accademia Nazionale di Danza, l’Accademia Nazionale di Arte Drammatica, gli Istituti superiori per le industrie artistiche (ISIA), nonché i Conservatori di musica, con riferimento in particolare all’attuazione della legge 21 dicembre 1999, n. 508;
g) provvedimenti riguardanti il contenzioso in materia di stato giuridico e trattamento economico del personale della scuola e dell’amministrazione;
h) partecipazione ai lavori  della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, nonché alle riunioni della Conferenza Stato – regioni, della Conferenza Stato – città ed autonomie locali e della Conferenza unificata, per le materie di competenza.

Al Sottosegretario di Stato Prof. Giovanni Manzini è stata conferita la delega per curare i seguenti ambiti:

a) problematiche concernenti la realizzazione di un sistema formativo integrato tra istruzione, formazione e lavoro, con particolare riguardo alla formazione post-qualifica, all’istruzione e formazione tecnica superiore, all’obbligo di frequenza di attività formative fino a 18 anni e al rapporto scuola-lavoro;
b) problematiche concernenti il sistema di valutazione e la definizione degli ordinamenti e dei programmi di studio;
c) interventi di formazione nell’area del Mezzogiorno;
d) per le materie di competenza, e in coordinamento con il Sottosegretario Barbieri, interventi cofinanziati dai fondi strutturali del-l’Unione europea;
e) partecipazione ai lavori del CIPE nei casi in cui il Ministro sia impedito a causa di impegni concomitanti;
f) richieste di parere al Consiglio di Stato al fine della decisione dei ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica;
g) problematiche relative alle vigilanze su CEDE, BDP e IRRSAE;
h) partecipazione ai lavori  della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, nonché ai lavori  della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, nonché alle riunioni della Conferenza Stato – regioni, della Conferenza Stato – città ed autonomie locali e della Conferenza unificata, per le materie di competenza.

Il Sottosegretario di Stato On. Dott. Giuseppe Gambale sarà responsabile dei rimanenti settori, così come segue:

a) problematiche riguardanti il passaggio del personale ATA e delle relative funzioni dagli enti locali allo Stato;
b) problematiche concernenti gli interventi per il riconoscimento del ruolo del personale della scuola;
c) problematiche concernenti gli interventi di formazione, aggiornamento e riconversione professionale del personale della scuola e dell’amministrazione scolastica;
d) problematiche concernenti l’attuazione del dimensionamento delle istituzioni scolastiche e relativi rapporti con gli enti locali;
e) problematiche relative all’elevazione del livello d’istruzione e formazione degli adulti e alla costruzione del sistema integrato per l’educazione permanente degli adulti;
f) problematiche concernenti il diritto allo studio;
g) problematiche relative all’integrazione scolastica dei disabili;
h) problematiche concernenti l’attuazione della nuova disciplina degli esami di Stato;
i) problematiche relative allo stato giuridico degli insegnanti di religione;
l) partecipazione ai lavori della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, nonché alle riunioni della Conferenza Stato – regioni, della Conferenza Stato – città ed autonomie locali e della Conferenza unificata, per le materie di competenza.