Home Archivio storico 1998-2013 Generico Bernocchi (Cobas): “Troppi scioperi, la situazione è demenziale”

Bernocchi (Cobas): “Troppi scioperi, la situazione è demenziale”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

A Piero Bernocchi, portavoce nazionale della Confederazione Cobas oltre che di Cobas Scuola, abbiamo chiesto di commentare la complessa situazione politico-sindacale che si sta prospettando. 

Domanda 
A quanto pare almeno fino alle vacanze pasquali sarete assenti dagli scioperi proclamati nel comparto scuola. E’ il risultato delle norme sull’autoregolamentazione oppure una vostra precisa scelta ?

Risposta
E’ una nostra scelta, dovuta anche all’estrema frammentazione, al limite del demenziale, degli scioperi nella scuola tra marzo e aprile (ben cinque in un mese) ma soprattutto è conseguenza di una analisi dei punti “caldi” del conflitto nella scuola e dei momenti più efficaci per potenziarlo, che pensiamo si concentreranno tra maggio e giugno.

D. Questo significa che pensate già di ripetere il "botto finale" fatto lo scorso anno in occasione degli scrutini finali ?

ICOTEA_19_dentro articolo

R. Penso di sì. Ma una risposta definitiva la potremo dare solo dopo il nostro Esecutivo Nazionale del 26-27 prossimo che deciderà in merito. Anche perché stiamo valutando con favore la possibilità di scioperare durante le prove Invalsi che si terranno nelle scuole tra il 10 e il 13 maggio.
Noi pensiamo che piazzare uno sciopero nel periodo delle prove servirebbe ad accendere un potente faro sul tema della valutazione. Naturalmente lo sciopero metterebbe in campo anche gli altri temi rivendicativi, dall’assunzione dei precari alla cancellazione dei tagli, dal recupero degli scatti di anzianità allo sblocco dei contratti.

D. Parliamo dei rapporti con Flc-Cgil: escludete a priori la possibilità di raggiungere accordi per iniziative comuni ?

R.  Noi crediamo che, in tutti i passaggi cruciali dei tentativi governativi di aziendalizzare la scuola pubblica, di immiserirla e frammentarla, condotti nell’ultimo quindicennio (a partire da Berlinguer) sia dal centrodestra sia dal centrosinistra, la Cgil scuola/FLC sia quasi sempre stata dalla parte sbagliata.  A nostro parere, su temi basilari, la differenza tra Cgil e gli altri sindacati concertativi è pressoché irrilevante.
Ciononostante“a priori” non escludiamo nulla: tanto è vero che in questo ultimo biennio noi abbiamo scioperato per ben tre volte (12 dicembre 2008, 12 marzo 2010 e il 28 gennaio scorso, seppure con la Fiom-Cgil) nella stessa giornata già promossa dalla Cgil. Ma da questi scioperi comuni non è emersa né una partecipazione significativamente superiore a quanto entrambi i sindacati sono in grado di mettere in campo (scarsissimo effetto “trascinamento”), nè una qualsivoglia volontà di rapporti corretti da parte della FLC o della Cgil in generale.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese