Home Attualità Bullo perseguita studente. Scuola condannata al risarcimento: “I docenti sapevano e non...

Bullo perseguita studente. Scuola condannata al risarcimento: “I docenti sapevano e non hanno fatto niente”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Uno studente di un istituto tecnico della provincia di Viterbo, per lunghi mesi, ha dovuto subire minacce e insulti da parte di un bullo. L’incubo è poi sfociato in un pestaggio con la vittima ricoverata in ospedale.

Il tribunale ha ritenuto, per la prima volta, colpevole l’istituto che dovrà risarcire la vittima anche se l’aggressione è avvenuta al di fuori degli orari scolastici.

La scuola, per il Tribunale è responsabile per “culpa in vigilando”: i docenti, pur sapendo delle umiliazioni subite dalla vittime, non avrebbero fatto nulla per impedire o far cessare le vessazioni.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ora tocca al Miur, risarcito come i genitori per circa 12mila euro, decidere se rivalersi, davanti alla Corte dei conti, sul preside e sui docenti dell’istituto.

Culpa in vigilando

L’espressione indica la colpa sottostante alla responsabilità per il fatto illecito altrui, che viene attribuita a coloro che sono tenuti alla sorveglianza di determinate persone reputate non in grado di rendersi pienamente conto delle proprie azioni. I soggetti tenuti alla sorveglianza sono esonerati da responsabilità per i danni cagionati dai sorvegliati solo se provano di non aver potuto impedire la commissione del fatto.

Altri approfondimenti (clicca qui)

Preparazione concorso ordinario inglese