Home Archivio storico 1998-2013 Generico Cacciatori di libri: benvenuti a Roma

Cacciatori di libri: benvenuti a Roma

CONDIVIDI
  • Credion

“Cacciatori di libri: benvenuti a Roma!”. Con questo slogan “Più libri più liberi”, accoglie i visitatori che, fin dalle prime ore di apertura, attendono numerosi di entrare al Palazzo dei Congressi.
Tra le personalità che intervengono alla inaugurazione, c’è Il Ministro per le Politiche Giovanili, Giovanna Melandri, che annuncia due misure al vaglio della Finanziaria, volte a favorire la cultura giovanile.
“Più che una fiera è una festa per Roma e per i giovani che sono degli esploratori della lettura. Pubblico di una narrativa che evolve anche attraverso nuovi linguaggi. – Queste le parole di apertura del suo discorso. Il Ministro ha proseguito affermando – Ho scelto questo evento per annunciare due misure volte ad incentivare la cultura giovanile”.
La prima misura riguarda un incentivo fiscale per chi, sotto i 35 anni, produce reddito come frutto di talento creativo.
Costoro potranno detrarre fino al 40% del costo di produzione.
La seconda misura attiene la produzione musicale. E’ stato annunciato un credito d’imposta di 100.000 Euro per le etichette indipendenti che produrranno opere prime e seconde di giovani musicisti.
L’assessore alla cultura del Comune di Roma, Gianni Bornia, nel ribadire che: “La cultura non è mai troppa. Se tutte le grandi istituzioni, a cominciare dalla Rai, facessero più cultura, di certo, sarebbe meglio per tutti noi. –
Ha proseguito – La Fiera, qualche anno fa è stata una sfida e noi abbiamo deciso che fosse giusto rischiare. Oggi possiamo dire che è una sfida vinta”.
L’Assesore ha poi annunciato importanti iniziative: l’apertura, lunedì, della biblioteca più grande di Roma (a Marconi). Inoltre la Casa della Letteratura di Roma si arricchirà della biblioteca che fu di Enzo Siciliano (oltre 15.000 testi). Ultimo annuncio, non certo ultimo per importanza: la casa che fu abitata, a Trastevere, da Alberto Moravia è stata concessa dagli eredi al Comune. Sull’esempio delle grandi case-museo sarà aperta al pubblico. Indubbio luogo di grande stimolo culturale per i visitatori.