Home Alunni Catania, progetto di alternanza sulla conoscenza dei Disturbi dello Spettro Autistico

Catania, progetto di alternanza sulla conoscenza dei Disturbi dello Spettro Autistico

CONDIVIDI

Venerdì 10 Marzo 2017, alle ore 10, si terrà presso l’aula magna del Liceo classico “Mario Cutelli” di Catania, l’incontro di presentazione del progetto di alternanza scuola lavoro “Autismi: dialogo inter-istituzionale per processi di cambiamento“.

Si tratta di un progetto di ASL che consentirà alle studentesse e agli studenti del liceo di confrontarsi con la realtà dei Disturbi dello Spettro Autistico, venendo a conoscenza degli interventi messi in atto sia dalla ASP di Catania che dall’Associazione dei familiari.

Icotea

Nell’ambito dell’iniziativa, parteciperanno alle attività del progetto “Palla amica” che li vedrà attivamente coinvolti con i giovani con autismo in attività sportive (Basket) e potranno assistere all’utilizzo delle tecnologie robotiche nella terapia dell’Autismo presso il Centro autismo della ASP di Catania -Zeno, un piccolo e simpatico robot la cui pelle in silicone gli consente di assumere comportamenti e dimostrare stati d’animo del tutto simili a quelli umani e suo fratello NAO, il robot francese al cui interno è stato inserito un software capace di sostenere le terapie personalizzate. Gli studenti riceveranno inoltre dal referente coordinatore aziendale NPIA, informazioni aggiornate ed accurate sulla tematica.

 

{loadposition carta-docente}

 

Parteciperanno all’incontro l’onorevole Davide Faraone, sottosegretario alla salute, Enzo Bianco, sindaco di Catania, Giuseppe Giammanco, direttore generale ASP Catania, Emilio Grasso, direttore ambito territoriale di Catania, Francesco Basile, rettore dell’Università di Catania, membro del CTS ASL del Liceo Cutelli, Vera Caltabiano, presidente dell’associazione Un Futuro per l’Autismo onlus, la dirigente scolastica Elisa Colella.

Illustreranno il progetto il dott. Giancarlo Costanza, le prof.sse Santina Lo Monte e Giovanna Scebba, il dott. Fabrizio D’Andrea, la dott.ssa Anna Chiara Donzelli e l’ing. Marco Lombardo.

 

{loadposition facebook}