Home Archivio storico 1998-2013 Riforme Che fine hanno fatto i licei sportivi?

Che fine hanno fatto i licei sportivi?

CONDIVIDI
  • Credion

Molte scuole, di uno stesso comprensorio territoriale, si stanno auto-attribuendo, prima delle opportune verifiche effettuate dall’ufficio scolastico regionale, l’istituzione, all’interno del percorso di liceo scientifico, di una sezione del liceo sportivo.
Bisogna dire che questa attribuzione, dichiarata a volte, anche nei siti istituzionali delle proprie scuole e attraverso articoli distribuiti a mezzo di stampa locale, da parte di alcuni dirigenti scolastici che guidano un liceo scientifico ha il sapore di una sorta di millantato credito, nel tentativo di fare qualche iscritto in più, rispetto ad altre scuole dello stesso territorio.
Per capire come stanno veramente le cose, senza dovere credere a ciò che viene reclamizzato dalle scuole, bisogna conoscere la normativa che regola la nascita di queste sezioni di liceo sportivo.
È tutto scritto nel D.P.R. n. 52 del 5 marzo 2013, dove è spiegato che l’istituzione di queste sezioni è limitato da alcuni vincoli. Ad esempio al comma 5 dell’art. 3 del su citato D.P.R. n. 52 è scritto che, nel rispetto della programmazione regionale dell’offerta formativa, e tenuto conto della valutazione effettuata dall’ufficio scolastico regionale, le sezioni ad indirizzo sportivo di ciascuna regione non possono essere istituite in numero superiore a quello delle relative province, fermo restando il conseguimento, a regime, degli obiettivi finanziari di cui all’articolo 64 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, ed evitando comunque che l’attivazione di tali sezioni possa determinare esuberi di personale in una o più classi di concorso.
Quindi è ben chiaro che se per esempio, in una regione con 5 province, 10 scuole pubblicizzano l’istituzione di un liceo sportivo, questo vuol dire che, almeno cinque scuole stanno bluffando e dicono il falso.
Inoltre per la salvaguardia degli organici e per evitare soprannumeri, il comma 6 dell’art. 3 afferma che eventuali sezioni aggiuntive di liceo ad indirizzo sportivo possono essere istituite qualora le risorse di organico annualmente assegnate lo consentano e sempre che ciò non determini la creazione di situazioni di esubero di personale.
Il principio è semplice: licei sportivi si, ma a determinate condizioni.
In questa fase dell’anno scolastico in cui le scuole si stanno già preparando a fare una lunga azione di orientamento, la chiarezza sarebbe importante e dovrebbe essere un requisito essenziale per chi chiede un vero orientamento e anche per quei docenti che con l’attivazione di queste sezioni vedranno il monte orario delle loro discipline diminuire.
Per una maggiore trasparenza ed un’applicazione corretta del regolamento istitutivo delle sezioni di liceo sportivo, il MIur dovrebbe attuare ai sensi dello stesso art. 6 del D.P.R. n. 52 una verifica iniziale, per appurare quali sono i licei ritenuti idonei per l’attivazione di tali sezioni.
In questo modo non si rischia di cadere nella trappola del millantato credito, iscrivendosi in una scuola dove si pensava ci fosse il liceo sportivo ed invece questa sezione non è stata concessa.