Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Chi ha diritto all’apprendimento?”

“Chi ha diritto all’apprendimento?”

CONDIVIDI
  • Credion
“Chi ha diritto all’apprendimento?” E’ questo il titolo scelto per l’edizione 2006, da Cofir, associazione professionale di insegnanti, orientatori, formatori, che organizza il Convegno internazionale sul diritto all’apprendimento. Tra gli ospiti presenti a questa edizione, che si svolgerà ad Arezzo, presso la Borsa Merci (in Piazza Risorgimento), il 27 e 28 ottobre, Vernor Muñoz (relatore speciale Onu sul diritto all’educazione) e Pablo Gentili (professore all’Università di Rio de Janeiro, primo ricercatore del Laboratorio di Politiche Pubbliche, coordinatore dell’Osservatorio Latinoamericano sulle Politiche Educative).
Il convegno ha l’obiettivo di aumentare la conoscenza dei principali ostacoli che si frappongono all’affermazione dell’apprendimento e dell’educazione in tutto il mondo come diritti soggettivi inalienabili. Le analisi si concentreranno in special modo sulla situazione italiana senza dimenticare uno sguardo globale.
In particolare, il 27 ottobre, alle ore 15.00, Paolo Giovanetti (dello Iulm, che ha appena pubblicato, nella collana Cofir/Ets il volume “L’istruzione spiegata ai professori”) introdurrà i lavori, cui seguiranno i contributi di Muñoz e Gentili e gli interventi di Giancarlo Cappello (responsabile ufficio studi Cisl) ed Enrico Panini (segretario Flc-Cgil).
Il 28 ottobre, dopo la presentazione della proposta del Tavolo Eda promosso da Edaforum su “Il diritto all’ apprendimento lungo tutto l’arco della vita e in ogni luogo”, vi saranno laboratori animati da diverse associazioni. Nel pomeriggio, infine, è in programma una seduta plenaria, con Muñoz e Gentili che esporranno gli esiti del convegno e suggeriranno un tema emergente che sarà oggetto di ricerca per il 2007. Questa attività sarà condotta da un gruppo di ricerca, ma sarà anche aperta al contributo di tutti; i risultati saranno presentati nel convegno del prossimo anno.
 
La partecipazione al convegno e ai laboratori è gratuita ma occorre prenotarsi all’indirizzo [email protected] oppure telefonando allo 0575380468. Maggiori informazioni sul sito internet www.cofir.net .