Home Sicurezza ed edilizia scolastica Classificazione del rischio chimico nelle scuole

Classificazione del rischio chimico nelle scuole

CONDIVIDI

Eseguire la valutazione del rischio chimico nelle scuole, in ottemperanza delle disposizioni contenute nel D.Lgs. 81/08, è da sempre un argomento tecnico e complesso, considerate le diverse e specifiche tipologie di attività che si eseguono (attività di laboratorio) nonché l’elevato numero di sostanze e delle più svariate tipologie di pericolosità (tossici, cancerogeni, infiammabili, irritanti, sensibilizzanti, ecc.) presenti nei cicli lavorativi utilizzati in piccole e talvolta modeste quantità.
A seguito della fase di analisi e valutazione dei fattori di rischio, si arriva alla definizione del rischio chimico, secondo uno dei seguenti casi:

 

● “giustificazione” della presenza di un rischio insignificante che non rende necessaria un’ulteriore valutazione, viste la natura e l’entità del rischio (es. “bianchetto” da ufficio)

Icotea

● “rischio basso per la sicurezza ed irrilevante per la salute”, quando il tipo, la quantità, la modalità e la frequenza di esposizione all’agente chimico pericoloso sono poco significativi, e quando le misure di prevenzione già presenti sono sufficienti a ridurre il rischio al minimo possibile

● “rischio non basso e non irrilevante”, quando un livello di rischio è tale da imporre l’adozione di misure specifiche di prevenzione e protezione, oltre a procedure di intervento per incidenti ed emergenze, e la sorveglianza sanitaria

● “rischio di natura cancerogena e mutagena”, rientranti nel titolo IX, Capo II del D.Lgs. 81/08