Home Attualità Clima da salvare, Greta Thunberg chiama a raccolta gli studenti italiani: il...

Clima da salvare, Greta Thunberg chiama a raccolta gli studenti italiani: il 13 aprile l’Assemblea Nazionale Costituente [VIDEO]

CONDIVIDI

Continua la battaglia degli studenti per salvare il clima: dopo le proteste delle scorse settimane, culminate nel partecipato sciopero studentesco dello scorso 15 marzo, l’organizzatrice svedese della contestazione ai big della politica, Greta Thunberg, ha fissato invitato tutti gli attivisti italiani di #FridaysForFuture all’Assemblea Nazionale costituente a Milano: l’appuntamento è per sabato 13 aprile, nell’Auditorium Levi di Città Studi, dove si discuterà la direzione che deve prendere in Italia questo movimento.

Il video dell’appello della 15enne svedese Greta Thunberg agli studenti italiani (pubblicato da CBC Costituzionebenicomuni)

ICOTEA_19_dentro articolo

In vista del secondo Sciopero Mondiale per il futuro del 24 maggio

“Sarà l’occasione per un primo confronto tra le assemblee cittadine di #FridaysForFuture che sono nate in queste settimane: dovremo decidere come coordinarci e discutere del secondo Sciopero Mondiale per il futuro del 24 maggio”, scrivono dalla Rete della Conoscenza.

L’associazione di studenti italiani spiega che “proprio per la fiducia che gli attivisti di #FridaysForFuture pongono nella scienza, alla vigilia dell’Assemblea, venerdì 12 aprile alle 20.30, si terrà una conferenza scientifica aperta alla cittadinanza per avere un primo confronto con gli scienziati del clima.  Siamo convinti che capire l’emergenza climatica sia il primo passo per mobilitarsi e risolvere”.

I numeri della protesta fanno paura

L’intenzione, confermano gli studenti, è di andare avanti con le manifestazioni: “Come ha detto Greta, non ci fermeremo finché non verranno prese azioni concrete contro il cambiamento climatico, su un piano locale, nazionale, europeo e globale. Ognuno di noi e’ una tesserina in un mosaico globale che il 15 marzo ha coinvolto 1,8 milioni di persone in 125 paesi del mondo, esigendo un cambiamento di rotta, convinti della forza delle persone quando si uniscono per una grande causa collettiva. Ognuno di noi sa che la sfida non potrebbe essere più grande o la posta più alta.

“Siamo arrivati a un crocevia della storia. Stiamo fallendo, ma non abbiamo ancora fallito. Possiamo ancora sistemare le cose. Tocca a noi.”