Home Archivio storico 1998-2013 Notizie dalle Regioni Colpo di “coda” dell’inverno: martedì 26 a Trieste niente scuola

Colpo di “coda” dell’inverno: martedì 26 a Trieste niente scuola

CONDIVIDI
  • Credion
Il colpo di “coda” dell’inverno che davvero in pochi si aspettavano. La perturbazione che sta affliggendo l’Italia nell’ultima settimana di marzo, quella che precede la Santa Pasqua, ha costretto i comuni di alcune località a correre, è proprio il caso di dire, ai ripari. Anche di una grande città, come Trieste, la cui giunta, dopo aver preso conoscenza delle pessime previsioni per le prossime ventiquattrore, ha deciso che martedì 26 marzo “resteranno chiuse tutte le scuole del territorio di ogni ordine e grado, pubbliche e private, compresi i nidi, i ricreatori, i poli di aggregazione giovanile”.
Sindaco e assessori del capoluogo friulano hanno anche specificato che la decisione non riguarderà solo l’annullamento per un giorno dell’attività formativa degli alunni, perché “la sospensione riguarderà tutte le attività educative, didattiche e amministrative”. Come previsto dalle norme vigenti, il personale (docente e non docente) non dovrà recuperare la giornata di lavoro, non svolta per cause di forza maggiore ed indipendenti dalla volontà dei lavoratori stessi.
Il Comune di Trieste ha spiegato che i motivi si riconducono alla necessità di prevenire incidenti o evitare situazioni di pericolo derivanti dalla “forte ondata di maltempo che sta colpendo il territorio”.