Home Didattica Come fare yoga alla scuola primaria e dell’infanzia

Come fare yoga alla scuola primaria e dell’infanzia

CONDIVIDI
  • Credion

Quanto è utile lo yoga alla scuola primaria e dell’infanzia? Molto utile, in quanto efficace come momento di autogestione dello stress e dell’ansia, un’occasione per riflettere sul proprio corpo e sulle emozioni, a vantaggio non solo del singolo allievo ma della comunità classe, che ha uno strumento in più per fronteggiare le criticità. (VAI AL CORSO)

Le pratiche di respirazione, di concentrazione, di autocontrollo, gli esercizi di postura, le tecniche di rilassamento, tutto ciò agisce nell’ambito dello sviluppo armonico della persona, con le dovute differenze relativamente all’età degli studenti coinvolti.

Icotea

GLI STUDI

Studi recenti rivelano che le lezioni di yoga offrono ampi riscontri in termini di benefici per il gruppo classe, testimoniando:

  • il miglioramento delle funzioni esecutive di bambini e ragazzi, quanto ad autocontrollo e sicurezza di sé in soggetti inizialmente privi di tali competenze; o quanto a livello di attenzione in classe;
  • ansia e stress ridotti anche negli studenti di scuola secondaria;
  • una diminuzione dei comportamenti scorretti e dell’aggressività nei bambini e negli adolescenti.

Non ultimo beneficio: praticare lo yoga a scuola ha effetti incoraggianti sul rendimento scolastico complessivo, sull’affezione alla scuola e persino sugli indici di drop-out.

FAVOLE E YOGA

Sui più piccoli in particolare, dai tre ai dieci anni grande efficacia ha la proposta didattica che accosta allo yoga la fiaba, ovvero al movimento e alla ricerca dell’equilibrio psico-fisico il fascino del racconto popolare, della fiaba, delle favole, e delle relative formule narrative, dall’accattivante “C’era una volta…” al consolatorio “E vissero felici e contenti…” per offrire beneficio al corpo e soddisfazione alla mente.

Il bisogno delle storie, infatti, è antico almeno quanto la disciplina orientale. Perché il bisogno di storie? Ci permettono di vivere tante vite e non una sola, ci ricorda Umberto Eco; e ci aiutano a comprendere la natura e il comportamento umani molto più che nella vita vera. I personaggi, infatti, li capiamo con chiarezza, quasi con certezza, laddove l’essere umano è pieno di contraddizioni. La letteratura, in altre parole, dà ordine alla vita e aiuta bambini e ragazzi a comprenderla meglio.

Il corso

Su questi argomenti il corso Favole in Yogaa cura di Rosa Cipriano, in programma dal 14 ottobre.

Lo Yoga destinato ai bambini non è lo stesso che praticano gli adulti. Occorre infatti presentare le attività in modo giocoso, stimolando l’immaginazione e la creatività, introducendo giochi preparatori di riscaldamento, canzoncine, musiche, danze, assecondando il naturale desiderio dei bambini di muoversi e divertirsi.

Il cuore della lezione Yoga è rappresentato dalle Asana che ai bambini proporremo in una versione semplificata aiutandoci con racconti fantastici, favole e storie avvincenti dove con un linguaggio semplice, i bambini si sentiranno coinvolti e appassionati.

Durante il prossimo webinar Favole in Yoga, verranno proposte attività di yoga adatte ai bambini a partire da favole inedite appositamente ideate che agevolano l’esecuzione delle posizioni adeguandosi alle esigenze psicofisiche dei più piccoli e che trasmettono valori coerenti con la filosofia yoga.

Così, ad esempio, seguendo il racconto del cagnolino e del leone, i bambini prenderanno confidenza con semplici posizioni yoga ma anche con temi quale il coraggio, l’amicizia e il rispetto per la natura. Seguendo invece il racconto ambientato al luna park, i bambini si divertiranno a giocare con il corpo assumendo la posizione della ruota panoramica, oppure dell’arco con le frecce e della panchina dove immagineremo di mangiare i pop corn.

E ancora pirati, anatroccoli, animali della fattoria, unicorni magici e tanti altri personaggi accompagneranno le avvincenti avventure da proporre ai bambini per avvicinarli, con divertimento e semplicità, alla pratica dello yoga.