Home Sicurezza ed edilizia scolastica Come organizzare il servizio di sicurezza in relazione alla complessità dell’istituto

Come organizzare il servizio di sicurezza in relazione alla complessità dell’istituto

CONDIVIDI

L’art. 32 della legge 81/08 sottolinea l’obbligo in capo al dirigente scolastico di organizzare internamente alla propria scuola un vero e proprio Servizio, composto da un adeguato numero di Addetti”.

La “ratio” delle disposizioni contenute nell’art. 32 è manifesta in quanto, “in materia di sicurezza, la scuola si trova in una posizione delicata, proprio in relazione al tipo d’utenza che la frequenta” … “gestire la prevenzione e la sicurezza in un luogo con predominanza di minori richiede particolari sensibilità, in grado di percepire con maggior cognizione di causa l’eventuale pericolosità delle situazioni e dei comportamenti”.

“Il numero di Addetti SPP va individuato in relazione alle dimensioni e alla complessità dell’istituto”. A tal riguardo si riportano 2 esempi indicativi: gli istituti secondari di secondo grado ad indirizzo tecnico o professionale e le grosse istituzioni scolastiche articolati in molti plessi, spesso distanti tra loro.

ICOTEA_19_dentro articolo

Nel primo caso il dirigente scolastico organizza “il Servizio sulla base di un principio di diversificazione e complementarietà delle competenze necessarie”, mentre nel secondo caso garantisce “la presenza di una persona formata in ogni plesso del proprio istituto”.