Home Sicurezza ed edilizia scolastica Come prevenire il rischio biologico in una scuola

Come prevenire il rischio biologico in una scuola

CONDIVIDI

Le scuole sono annoverate tra i cosiddetti “ambienti indoor” (ambienti confinati di vita e di lavoro).

In esse si svolgono sia attività didattiche in aula, in palestra, e/o in laboratorio, sia attività amministrative. Per il rischio biologico, un’attenzione particolare meritano gli istituti che hanno indirizzi particolari quali quello microbiologico o agrario. In tali scuole, infatti, spesso vengono svolte attività in laboratorio che richiedono il contatto con colture microbiologiche o esercitazioni nel settore agricolo e zootecnico.

Per il tipo di attività svolta, in ambienti promiscui e densamente occupati, il rischio biologico nelle scuole è legato anche alla presenza di coloro che vi studiano o lavorano (insegnanti, studenti, operatori e collaboratori scolastici) ed è principalmente di natura infettiva (da batteri e virus). Per prevenire il rischio biologico a scuola occorre perseguire le seguenti pratiche:

ICOTEA_19_dentro articolo
  • Manutenzione periodica dell’edificio scolastico, degli impianti idrici e di condizionamento
  • Idoneo dimensionamento delle aule in relazione al numero di studenti (evitare sovraffollamento)
  • Benessere microclimatico (temperatura, umidità relativa, ventilazione idonee)
  • Adeguate e corrette procedure di pulizia degli ambienti e dei servizi igienici con utilizzo di guanti e indumenti protettivi; mascherine in caso di soggetti allergici
  • Vaccinoprofilassi per insegnanti e studenti
  • Sorveglianza sanitaria dei soggetti esposti
  • Controlli periodici delle condizioni igienico-sanitarie dei locali, inclusi controlli della qualità dell’aria indoor e delle superfici
  • Formazione e sensibilizzazione del personale docente e non docente, degli allievi e delle famiglie in materia di rischio biologico