Home Politica scolastica Comitati di valutazione ai nastri partenza

Comitati di valutazione ai nastri partenza

CONDIVIDI

Sul comitato di valutazione continuano dubbi ed errori, alimentati in qualche caso anche da prese di posizione di sindacati e movimenti che non brillano per chiarezza.

 

Diversi lettori ci scrivono per saperne qualcosa di più sul sistema che si dovrà seguire nelle scuole per decidere a quali docenti assegnare il “premio”.  Su questo non ci dovrebbero più essere dubbi anche se – ancora fino a poche settimane fa – molti erano convinti che ci sarebbe stato un decreto attuativo; in realtà il meccanismo è già chiarito nella legge: il comitato di valutazione dovrà definire i criteri generali, e il dirigente scolastico dovrà indicare nomi e cognomi dei docenti da premiare, ovviamente in coerenza con i criteri generali.
Nelle ultime settimane molte scuole hanno già designato i docenti che faranno parte del comitato di valutazione con la clausola (o con l’intenzione) che il comitato si occupi esclusivamente della valutazione dell’anno di prova dei docenti neo-assunti.
In realtà, checchè se ne dica, il comitato ha due funzioni: valutare i docenti neo-assunti e definire i criteri per il merito; in alcune scuole, addirittura, si è proceduto alla nomina dei docenti con la convinzione che ci sono due diversi comitati, uno per il merito e uno per la valutazione dei docenti neo-assunti.
Ovviamente non è così, perchè il comitato è uno solo e, prima o poi, dovrà affrontare il compito, considerato magari sgradevole, di deliberare i criteri per l’assegnazione del “bonus”. E bisogna anche considerare che a breve arriveranno nelle scuole gli “esperti” designati dagli Uffici regionali che dovranno far parte dei comitati e che – se necessario – dovranno in qualche modo richiamare le scuole al rispetto delle regole.

Icotea