Home Archivio storico 1998-2013 Esami di Stato Commissari all’esame di Stato: malpagati, demotivati e distratti

Commissari all’esame di Stato: malpagati, demotivati e distratti

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Vista “la necessità di contenere i costi relativi allo svolgimento degli esami, [….] ai commissari esami di Stato spetta un unico compenso forfetario qualora operi su un’unica commissione”.
E così, per la sua funzione, un commissario esterno ha un compenso di 911€ lorde a cui si aggiungono delle quote (da 171 € a 2270) relative alla distanza del luogo di residenza o servizio rispetto alla sede di esame. Trattamento diverso tocca al commissario interno: 399 € + 171€ di “missione”, che fanno un totale di 570 €. Calcolando una media di 20 giorni di lavoro da parte della commissione per 6 ore al giorno, fanno 120 ore; e dividendo 570 € per le ore di lavoro si ottiene la bella cifra oraria di 4,70 € (sempre lorde!). Certo gli insegnati non lavorano solo per i soli. Difatti l’art. 54 della Costituzione recita che “i cittadini a cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con onore e dignità”. E’ anche vero che dopo grave sconfitta della battaglia di Pavia (1525), Francesco I andava ripetendo: Tutto è perduto fuorché l’onore!
Dicevano i latini: Est magis dare quam accipere. E i vecchi saggi: Per fare il proprio dovere bene bisogna fare di più del dovuto. Ma non si può fare tutto e sempre: Gratis et amore dei!
E’ di queste ore la pubblicazione dei risultati delle prove scritto-grafiche. L’O.M. 13/2013, all’art. 15 c. 8, stabilisce quanto segue: “Il punteggio attribuito a ciascuna prova scritta è pubblicato, per tutti i candidati di ciascuna classe (…) nell’albo dell’istituto sede della commissione d’esame un giorno prima della data fissata per l’inizio dello svolgimento dei colloqui. Vanno esclusi dal computo le domeniche e i giorni festivi intermedi”. Mentre fino a 3 anni fa si pubblicava il totale delle prove scritte e il candidato – per venire a conoscenza dei vari punti relativa alle diverse prove sostenute – poteva fare richiesta prima del suo colloquio, ormai è fatto obbligo di esporre all’albo i risultati delle singole prove scritto-grafiche.
Forse perché pagati con compensi da tabelle del 2007 è o per la fretta, la distrazione o il caldo ci sono presidenti di commissione, delegati, segretari e semplici commissari “distratti”. Non è raro trovare – in questi giorni – all’albo delle scuole superiori dei tabelloni prestampati che inducono ad errori formali, dal momento che compare solo il totale delle tre prove precedenti il colloquio. Attenzione che la forma è sostanza e che eventuali ricorsi contro l’operato delle commissioni possono sortire effetti favorevoli ai candidati ricorrenti… solo per un piccolo vizio di forma!
L’invito è di rettificare quanto prima – nel rispetto dell’O.M. – quei tabelloni pubblicati in modo errato. La legge non ammette ignoranza!
Psicologicamente forse era migliore la precedente modalità della comunicazione del totale dei punti perché (prima di colloquiare con i professori-giudici) lasciava alla discrezione del candidato tenersi il dubbio su quale delle tre prove avesse conseguito un risultato eventualmente insufficiente o scadente…
Occorre infine che la commissione ricordi che, secondo giusta procedura (art. 16 c. 2), è d’obbligo provvedere alla discussione degli elaborati relativi alle prove scritte solo nella terza fase del colloquio di esame. Senza alcuna improvvisazione creativa del rito dell’esame di maturità

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese