Home Archivio storico 1998-2013 Generico Concorsi a cattedre: cambiano i tempi delle prove in due importanti ambiti...

Concorsi a cattedre: cambiano i tempi delle prove in due importanti ambiti disciplinari

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il D.M. n. 487 del 21 dicembre capovolge la logica della successione temporale delle prove d’esame per gli ambiti disciplinari 7 e 9 raggruppati sotto la lettera B, sostituendo le parole del comma 2 dell’art. 4 del precedente D.M. 354/98 "comporta l’esclusione dalle prove aggiuntive" con "comporta l’esclusione dalla valutazione delle prove aggiuntive". Gli ambiti in questione sono fra i più importanti della scuola secondaria e riguardano decine di migliaia di candidati. E cioè: il 7 (comprendente le classi 36/A – Filosofia, psicologia e scienze dell’educazione e 37/A Filosofia e storia) e il 9 (comprendente l’ambito disciplinare 4 – Materie letterarie e le classi; 51/A – Materie letterarie e latino nei licei e nell’istituto magistrale; 52/A – Materie letterarie, latino e greco nel liceo classico). Ma in che cosa consiste la "marcia indietro"? E come cambieranno le prove per i candidati dei prossimi concorsi? Cercando di semplificare al massimo, prendiamo in considerazione l’ambito disciplinare 9. Secondo il precedente decreto, i candidati avrebbero potuto partecipare alla prova scritta di latino solo dopo aver superato la prova scritta ed orale di italiano e a quella di greco, solo dopo aver superato le prove scritte ed orali di italiano e latino (come dicevamo, per l’appunto, "a cascata"). Ciò avrebbe permesso loro di prepararsi con maggiore tranquillità perché i tempi di correzione degli elaborati sarebbero stati abbastanza lunghi. Inoltre questo avrebbe veramente "snellito" le procedure in quanto dalle prove di latino e greco sarebbero stati esclusi tutti coloro che non superavano le prove precedenti. Il che avrebbe comportato una "selezione naturale" degli aspiranti, con un minore aggravio di tempo per le commissioni e di costi per l’Amministrazione. Ma adesso non è più così. I vantaggi che tale sistema avrebbe arrecato all’economia generale delle procedure concorsuali per gli ambiti 7 e 9 non esistono più. In virtù del nuovo decreto i candidati saranno costretti a prepararsi per l’ambito disciplinare tout court e a partecipare a tutte le prove scritte in un’unica tornata concorsuale (magari a distanza di qualche giorno). Dal canto loro, le varie commissioni inizieranno i lavori contemporaneamente e poiché il mancato superamento da parte dei candidati "delle prove obbligatorie e comuni" adesso "comporta l’esclusione dalla valutazione delle prove aggiuntive", queste si troveranno a dovere correggere, in ogni caso, migliaia di elaborati, una buona parte dei quali, alla fine non dovrà essere valutata perché i candidati non hanno superato la/e prova/e precedente/i. Insomma, tanto lavoro inutile e tanto rumore per nulla.

Preparazione concorso ordinario inglese