Home Concorsi Concorso docenti abilitati, prove orali e programmi d’esame: indicazioni Miur

Concorso docenti abilitati, prove orali e programmi d’esame: indicazioni Miur

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Arrivano i primi chiarimenti del Ministero dell’Istruzione in merito al concorso docenti abilitati. Le precisazioni riguardano le prove orali, i programmi di esame e l’accettazione o rinuncia all’individuazione da una graduatoria del concorso abilitati.

Prove orali

Relativamente alle prove orali delle classi di concorso A066 (Trattamento testi, dati ed applicazioni. Informatica) e A027 (Matematica e fisica) si fa presente che l’allegato A al DM n.
95/2016, contenente i programmi di esame, non riporta quelli di queste due classi di concorso in quanto le stesse non sono state oggetto di prove nel concorso del 2016. Di conseguenza, si riporta in allegato la nota prot. n. 7850 del 8/5/2018 della Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione riportante i programmi di esame delle due classi di concorso in argomento.
Come è noto le graduatorie regionali, previste dal D.Lvo. di cui all’oggetto (GMRE), devono essere compilate distintamente per ognuna delle classi di concorso previste dal DPR n. 19 del 2016. Anche per le classi di concorso appartenenti agli ambiti verticali per le quali, come indicato nel DDG n. 85 dell’ 1/2/2018, le relative prove orali sono comuni, le graduatorie saranno distinte.

Sempre per le prove orali di ambiti verticali, e in presenza di candidati che partecipino solo ad una delle due classi di concorso appartenenti all’ambito stesso, le relative tracce delle prove
orali, predisposte secondo quanto indicato all’art. 7, comma 2 del DDG 85/2018, potranno essere estratte da urne appositamente predisposte per contenere le sole tracce delle prove della classe di
concorso richiesta nella domanda di partecipazione.
Nel caso di classi di concorso appartenenti ad ambiti orizzontali, le prove orali saranno condotte distintamente per le classi di concorso che appartengono all’ambito, in base ai programmi
di esame previsti dall’allegato A del DM 95/2016. Ad esempio, per l’ambito 8 (Latino e Greco), dovranno essere condotte prove distinte per la classe di concorso A11 (Discipline letterarie e latino) e la classe di concorso A13 (Discipline letterarie, latino e greco).

ICOTEA_19_dentro articolo

Scorrimento delle Graduatorie di merito regionali

Relativamente alle graduaotorie di merito regionali di classi di concorso appartenenti ad ambiti verticali, lo scorrimento delle GMRE potrà avvenire solo al completo esaurimento di tutte le graduatorie afferenti alla graduatoria unificata del concorso 2016. Ad esempio, il mancato esaurimento della GM 2016 dell’ambito 4 (Lettere nel primo e nel secondo grado) impedisce lo scorrimento sia della GMRE A22 (Italiano nella scuola media) che della GMRE A12 (Lettere nelle superiori).

Ordine delle operazioni

Per la procedura della assegnazione al terzo anno FIT del personale abilitato presente nella GMRE, che prevede l’assunzione a T.D sui posti vacanti e disponibili, le operazioni di assegnazione da GMRE verranno effettuate con le precedenze che verranno indicate nel CCNI sulle utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie e che saranno oggetto di successiva comunicazione.

Assegnazione al terzo anno FIT di personale non di ruolo

a) L’accettazione della nomina a tempo determinato da GMRE comporta che il docente non di ruolo venga depennato da tutte le graduatorie di merito regionali, nonché da tutte le graduatorie ad esaurimento e di istituto, in cui è iscritto sia per la stessa, che per altra clc/tipo posto.

b) la mancata accettazione della nomina, comporta, per quell’anno, la sola cancellazione dalla relativa GMRE e non dalle GMRE di altre classi di concorso/tipo posto in cui il candidato è
eventualmente iscritto. Questo in quanto l’art. 8, comma 3 del D.lvo n. 59/2017 prevede che l’accettazione del terzo anno FIT deve seguire le stesse regole delle supplenze annuali.

Assegnazione al terzo anno FIT di personale di ruolo

Nel caso che la nomina avvenga per altra classe di concorso/tipo posto rispetto a quella in cui risulta titolare trova applicazione l’art. 36 del CCNL attualmente in vigore
Nel caso, invece, che il docente venga assegnato sulla stessa classe di concorso /tipo posto su cui è già titolare, l’accettazione dell’assegnazione comporta la decadenza dal precedente impiego, così come previsto dall’art. 2, comma 4 del vigente Regolamento supplenze docenti.
La mancata accettazione della nomina, comporta, per quell’anno, la sola cancellazione dalla relativa GMRE e non dalle GMRE di altre classi di concorso/tipo posto in cui il candidato è eventualmente
iscritto.

La nota precisa che per quanto riguarda l’ordine delle operazioni di assunzione la nota rimanda a successive indicazioni dopo la stipula del contratto integrativo su utilizzazioni e assegnazioni provvisorie.

LEGGI LA NOTA MIUR

I PROGRAMMI D’ESAME A027 e A066

Preparazione concorso ordinario inglese