Home Concorsi Concorso docenti abilitati, specializzandi su sostegno possono presentare domanda con riserva

Concorso docenti abilitati, specializzandi su sostegno possono presentare domanda con riserva

CONDIVIDI
  • Credion

Il resoconto sul sito della Uil Scuola ha fornito alcuni piccoli particolari dopo l’incontro con l’amministrazione in merito ai concorsi. Infatti, dopo la posizione del sindacato in merito al concorso di religione cattolica e sul FIT, il resoconto specifica anche che i candidati che conseguiranno la specializzazione sul sostegno entro il 30 giugno potranno accedere alla procedura con riserva, senza problemi.

Specializzandi non riuscivano ad inoltrare la domanda

Infatti, tali candidati, avevano lamentato il fatto che il sistema Istanze Online non permetteva loro di caricare l’istanza, in quanto la piattaforma chiedeva loro l’inserimento del titolo. Ricordiamo, al tal proposito, che il bando recita: “Sono ammessi con riserva alla procedura concorsuale per posti di sostegno i docenti abilitati che conseguano il relativo titolo di specializzazione entro il 30 giugno 2018, nell’ambito di percorsi avviati
entro il 31 maggio 2017, ivi compresi quelli disciplinati dal decreto del Ministro 10 marzo 2017, n. 141“.

Icotea

Problemi risolti: si può caricare PDF tranquillamente

La notizia che aspettava tale fascia di candidati è quindi arrivata, ovvero che il Miur ha definitivamente risolto le disfunzioni del sistema istanze online che impedivano di presentare correttamente l’istanza di partecipazione con riserva ai candidati abilitati entro il 31.05.2017, che richiedono di partecipare alla procedura del sostegno e che conseguiranno la specializzazione entro il 30/06/2018.

Pertanto, il candidati specializzandi potranno caricare in fase di compilazione dell’istanza telematica il file in formato PDF che documenta il possesso dell’abilitazione e della eventuale specializzazione per l’insegnamento su posti di sostegno.

Le scadenze e le FAQ

Inoltre, il Ministero ha fatto sapere che a breve saranno pubblicate alcune FAQ per aiutare i candidati che riservano alcuni dubbi.

In chiusura ricordiamo che si sono aperti il 20 febbraio i termini per inoltrare su Istanze Online le domande di partecipazione per il concorso docenti abilitati 2018. C’è tempo fino alle 23.59 del 22 marzo.

 

Così si svolgeranno le prove

La prova orale, non selettiva, si svolgerà a partire dal mese di aprile. Le graduatorie regionali di merito dovrebbero essere approvate entro il 31 agosto 2018.

Concorso

Decreto Ministeriale 995 Del 15 Dicembre 2017 Regolamento Concorso Docenti Abilitati 2018

SCARICA IL BANDO

Prova orale non selettiva

I candidati – così come segnala la Flc Cgil in una scheda sul proprio sito – saranno avvertiti, almeno 20 giorni prima della data prevista, attraverso l’indirizzo di posta elettronica indicato nella domanda. I calendari saranno anche pubblicati sui siti degli uffici scolastici regionali

Le tracce da estrarre sono predisposte dalla commissione in numero pari a tre volte quello dei candidati previsti.

Ciascun candidato estrae la traccia su cui svolgere la prova 24 ore prima dell’orario programmato. Le tracce estratte sono escluse dai successivi sorteggi.

La prova orale avrà una durata non superiore a 45 minuti

La prova orale consiste in una lezione simulata e nell’esplicitazione delle scelte didattiche e metodologiche in relazione ai contenuti disciplinari e al contesto scolastico indicati dalla commissione.

Per le classi di concorso incluse negli ambiti disciplinari verticali definiti con il DM 93/16 (AD01: A001, A017 – AD02: A048, A049 – AD03: A029, A030 – AD04: A012, A022 – AD05 [per ogni lingua]: A024, A025), la prova è unica per entrambe le classi di concorso, anche se le graduatorie saranno distinte per ogni classe di concorso. Pertanto la traccia potrebbe riferirsi ai contenuti di entrambe le classi di concorso incluse nell’ambito.

Il Ministero dell’Istruzione ha lanciato il sito dedicato con tutte le info utili, un valido supporto per tutti gli aspiranti.

Il concorso, ribadiamo, è la prima delle tre selezioni che il Ministero sta avviando in base a quanto previsto dal Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 59 che introduce un nuovo modello di reclutamento per la scuola secondaria.