Home Attualità Concorso ordinario scuola, cosa cambia e cosa resta uguale

Concorso ordinario scuola, cosa cambia e cosa resta uguale

CONDIVIDI
  • Credion

Ricordiamo che il Dl Sostegni bis cambia le carte in tavola sul concorso ordinario scuola, prevedendo sin da subito una procedura semplificata che riguarderà anche i concorsi già pubblicati, i cui bandi verranno modificati, senza tuttavia alcuna riapertura dei termini per la presentazione delle domande o modifica dei requisiti di partecipazione.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Cosa cambia?

Rispetto al bando di concorso ordinario che si è chiuso lo scorso luglio,

  • decade la procedura preselettiva;
  • viene introdotta una unica prova scritta (computer based) con più quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese.
    La prova è valutata al massimo 100 punti ed è superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti;
  • prova orale;
  • valutazione dei titoli;
  • formazione della graduatoria finale nel limite dei posti messi a concorso.
  • i candidati che non superano le prove della procedura concorsuale ordinaria non potranno presentare domanda di partecipazione alla procedura successiva per la medesima classe di concorso o tipologia di posto per la quale non hanno superato le prove.

Cosa resta uguale?

Restano uguali i programmi d’esame, ragion per cui bisognerà ancora fare riferimento all’allegato A del Ministero dell’Istruzione.

ALLEGATO A_Programmi per la preparazione al concorso

La competenza relativa alla lingua inglese

Sempre in relazione ai programmi d’esame, un interrogativo giunto in redazione dai nostri lettori riguarda il livello di competenza in lingua inglese richiesto dal concorso nella fase della prova scritta che comprenderà anche 5 quiz sulla lingua inglese. Come chiariamo in un articolo precedente, il vecchio regolamento che accompagnava il bando di concorso di luglio 2020 richiedeva che si desse prova di padroneggiare la lingua almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento. Un livello che era richiesto sia nella prova preselettiva che nell’esame orale, tanto nei posti comuni che in quelli di sostegno. Questo livello di competenza linguistica dovrebbe essere confermato anche nei prossimi concorsi scuola, quando la macchina del concorso ordinario si rimetterà in moto.

Infatti nel dossier che accompagna il Dl Sostegni bis si fa riferimento al DM 327 del 9 aprile 2019 (sul concorso per titoli ed esami per l’accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell’infanzia e primaria, su posto comune e di sostegno), il quale rende esplicito che il candidato debba mostrare la capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue.

I programmi, come da Allegato A del Ministero dell’Istruzione

Parte generale

Ecco una sintesi dei principali nodi concettuali generali, validi per ogni classe di concorso:

  • dominio dei contenuti delle discipline di insegnamento e dei loro fondamenti epistemologici, al fine di realizzare un’efficace mediazione metodologico-didattica, una solida progettazione curricolare e interdisciplinare e l’opportuna adozione di strumenti di osservazione, verifica e valutazione degli alunni;
  • conoscenza dei fondamenti della psicologia dello sviluppo, della psicologia dell’apprendimento scolastico e della psicologia dell’educazione;
  • conoscenze pedagogico-didattiche e competenze sociali finalizzate all’attivazione di una positiva relazione educativa;
  • conoscenza dei modi e degli strumenti idonei all’attuazione di una didattica individualizzata e personalizzata, coerente con i bisogni formativi dei singoli alunni, con particolare attenzione all’obiettivo dell’inclusione scolastica;
  • competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento;
  • conoscenza dei principi dell’autovalutazione di istituto, con particolare riguardo all’area del miglioramento del sistema scolastico;
  • conoscenza della legislazione e della normativa scolastica, con particolare riguardo: alla Costituzione; alla Legge 13 luglio 2015, n. 107; all’autonomia scolastica; agli ordinamenti didattici del primo e del secondo ciclo di istruzione; alle indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione; alla valutazione degli alunni e alla certificazione delle competenze; alla governance delle istituzioni scolastiche; allo stato giuridico del docente (contratto di lavoro, disciplina del periodo di formazione e di prova); all’inclusione degli alunni con bisogni educativi speciali (disabili, con disturbi specifici di apprendimento e con BES non certificati); ai disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico; alle linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo.

Corsi di preparazione al concorso scuola

Per prepararti al concorso, segui il corso Guida alla normativa scolastica, come da ALLEGATO A del concorso ordinario per scuola secondaria.

Per prepararti al concorso, segui il corso Guida alla normativa scolastica, come da ALLEGATO A del concorso ordinario per scuola dell’infanzia e primaria.

Per prepararti sui temi pedagogico-didattici, il corso Conoscenze pedagogico-didattiche di base del docentescuola secondaria.

Per prepararti sui temi pedagogico-didattici, il corso Conoscenze pedagogico-didattiche di base del docentescuola infanzia e primaria.

Per prepararti sui temi della didattica digitale, il corso e-learning Nuove tendenze della didattica, tra digitale e innovazione, destinato a docenti di ogni ordine e grado.

Ambiti disciplinari

Per prepararsi in ambito disciplinare, area filosofica, classe di concorso A18, segui il corso Preparazione concorso ordinario Filosofia e Scienze umane, a cura di Angelo Morales.

Per prepararsi in ambito disciplinare, area filosofica classe di concorso A19, segui il corso Preparazione concorso ordinario Filosofia e Storia, a cura di Salvatore Di Stefano.

Per prepararti al concorso ordinario in ambito linguistico segui il corso Concorso ordinario Ingleseclasse di concorso A24, A25.