Concorso straordinario secondaria: prova disciplinare e valutazione – VIDEO TUTORIAL

CONDIVIDI

Entro il 16 giugno 2022 si può presentare domanda per il concorso straordinario per docenti della scuola secondaria di I e II grado. La domanda deve essere trasmessa in modalità telematica attraverso l’applicazione «Piattaforma concorsi e procedure selettive» sul sito del Ministero (con SPID, CIE o EIDAS).

Tassa di iscrizione

Per partecipare alla procedura è dovuto il pagamento di una tassa pari ad euro 128,00, da effettuarsi esclusivamente tramite bonifico bancario oppure attraverso il sistema «Pago In Rete», il cui link sarà reso disponibile all’interno della «Piattaforma concorsi e procedure selettive».

Icotea

Prova disciplinare

Il concorso si articola in una prova disciplinare, che consiste in una prova orale della durata di 30 minuti, finalizzata all’accertamento della preparazione dei candidati sulla base dei programmi concorsuali specifici di ciascuna classe di concorso e della comprensione/conversazione in lingua inglese almeno al livello B2.

Classi lingue straniere

Per le classi di concorso A-24, A-25 e B-02 la prova è condotta nella lingua straniera oggetto di insegnamento.

Valutazione

Verranno attribuiti max 150 punti:

  • max 100 punti per la prova
  • max 50 punti per i titoli accademici, scientifici e professionali.

I criteri valutativi saranno mutuati dalla prova orale del concorso ordinario.

Graduatorie di merito regionali per classi di concorso

La commissione giudicatrice, a seguito degli esiti della prova disciplinare e della valutazione dei titoli, procede alla compilazione delle graduatorie di merito regionali distinte per classe di concorso. Il punteggio finale è espresso in centocinquantesimi. A parità di punteggio complessivo si applicano le preferenze previste dal D.M. 487 del 1994 (esempio: invalidi e mutilati, numero di figli, maggiore età…).

Contratto a tempo determinato

Ai candidati vincitori, collocati in posizione utile nelle graduatorie di merito regionali, verrà attribuito un contratto a tempo determinato nell’ordine delle preferenze espresse e sulla base della posizione in graduatoria.