Home Politica scolastica Contratto scuola: sindacati chiedono apertura tavolo tecnico

Contratto scuola: sindacati chiedono apertura tavolo tecnico

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Con una nota inviata lo scorso 3 ottobre all’Ufficio di Gabinetto del Ministro Fioramonti i sindacati firmatari dell’accordo del 1° ottobre (Flc-Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda) chiedono “l’apertura immediata dei tavoli tematici (diplomati magistrali, semplificazione amministrativa per le scuole, personale docente ed ATA, rinnovo CCNL e legge di bilancio) previsti nella stessa Intesa”.
I temi del rinnovo contrattuale e della legge di bilancio – sottolinea Elvira Serafini, segretaria nazionale dello Snals – sono assolutamente prioritari.
Non tutti i sindacati, però, appaiono fiduciosi in merito all’esito del confronto:  “Guardando nello specifico gli interventi nei settori della conoscenza – sostiene la Flc-Cgil – la nota di aggiornamento del DEF licenziato dal Governo, pur affermando in più punti l’impegno ad aumentare delle risorse, evita di quantificarne l’entità. Ciò è particolarmente evidente dal totale silenzio riguardo al rinnovo dei Contratti Collettivi del settore pubblico e quindi anche del comparto Istruzione e Ricerca”.
“Le indiscrezioni – aggiunge il sindacato di Francesco Sinopoli – dicono che le risorse ci saranno e deriverebbero dalla spending review, dalla revisione della spesa pubblica e dalla riduzione dei sussidi dannosi per l’ambiente. Ma nel Nadef tali risorse risulterebbero finalizzate a coprire altre spese”.

In realtà, come abbiamo già avuto modo di rilevare, la Nota di aggiornamento al DEF prevede nel 2020 un aumento delle spese per gli stipendi pari allo 0,3%, ampiamente insufficiente per garantire un aumento di 100 euro come promesso dal ministro Fioramonti.
La “battaglia” della legge di bilancio, però, è solamente all’inizio e bisogna aspettare ancora un paio di settimane per sapere se il Governo riuscirà a trovare un po’ di soldi per evitare la protesta dei sindacati.

Preparazione concorso ordinario inglese