Home Politica scolastica Contro il dimensionamento arrivano gli anziani

Contro il dimensionamento arrivano gli anziani

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“Li iscriverò tutti: sono circa 50. L’istituto deve restare aperto”, riportano le agenzie e i Gr nazionali.

Da giovedì mattina, dopo la conclusione del corteo di protesta a cui ha partecipato tutta la comunità di Bassiano, il sindaco si è messo al lavoro per censire tutti gli anziani del paese che non hanno la licenza media o elementare. «Sono una cinquantina, forse qualcuno in più e giuro che li farò iscrivere tutti a scuola»: declama il sindaco.

 

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition eb-territorio}

 

 

A Bassiano è diventata una battaglia senza esclusione di colpi quella ingaggiata dall’amministrazione comunale dopo l’ufficializzazione del piano di dimensionamento che taglia in un sol colpo sia la scuola primaria che quella secondaria di primo grado del piccolo paese lepino. In poche parole, non ci sono i numeri per la sopravvivenza.

Servono nuovi iscritti oppure dal prossimo anno i 164 alunni di Bassiano saranno costretti a prendere il bus per recarsi nel paese più vicino, Sezze, quattordici chilometri di strada tra curve e pendii. Per il sindaco non se ne parla neppure, e per questo sta arruolando i nonni. «A fronte di una decisione unilaterale ci dichiariamo parte lesa. Siamo pronti ad intraprendere tutte le azioni legali, un ricorso al Tar ma anche la richiesta alla Procura della Repubblica di accertare eventuali abusi. Bassiano è un comune montano e per questo aveva diritto a una deroga. Nel Lazio ci sono 25 comuni in deroga, e molte scuole hanno una popolazione scolastica inferiore alle nostre 164 unità. Per raggiungere Sezze da Bassiano occorrono più dei 15 minuti al di sotto dei quali non si concede la deroga».

Preparazione concorso ordinario inglese